Sulle colline umbre crescono vitigni a bacca rossa sin da tempi antichissimi, che hanno dato luogo ad alcuni dei vini rossi più pregiati dell’Italia. La produzione di vino rosso umbro, in effetti, non è notevolmente variegata ma preziosa, con denominazioni che hanno saputo raggiungere l’apice della viticoltura italiana.

 

Il re dei vini rossi dell’Umbria è sicuramente il Sagrantino di Montefalco, una DOCG elaborata a partire dell’omonimo vitigno che riscuote un crescente successo sin dal Rinascimento, quando veniva bevuta dai papi e altri personaggi di spicco.

 

Un esigente disciplinare detta le basi per l’elaborazione di questo vino rosso dell’Umbria, reperibile sia nella tipologia secco che passito. Il Sagrantino di Montefalco è un vino delicato ed armonico, con un colore rosso rubino intenso e un fine bouquet con sentori di more.

 

Vino rosso umbro: le varietà che (forse) non conosci

 

Oltre al Sagrantino di Montefalco, in Umbria vengono elaborati vini rossi di elevata qualità che vale la pena gustare.

 

Senza dubbio bisogna iniziare dal Torgiano Rosso Riserva, la più antica DOCG per vini rossi umbri. Parliamo di un vino rosso complesso, adatto ad un lungo affinamento, che si ottiene fondamentalmente da uva Sangiovese, insieme ad altri vitigni a baccanera come il Canaiolo e il Trebbiano. Si produce anche un Torgiano spumante DOC.

 

Rinomato anche il Montefalco Rosso e Riserva, elaborato a partire da uva Sangiovese e, in minor grado, Sagrantino. Il Rosso di Torgiano è un altro vino umbro DOC che si ottiene dal blend di Sangiovese, Canaiolo e Trebbiano, ma il cui disciplinare prevede tempi di invecchiamento minori rispetto la DOCG.

 

Il Sangiovese è un vitigno presente nella maggior parte delle denominazioni di vino rosso umbro, in blend con diversi altri vitigni come ad esempio Merlot, Trebbiano, Cabernet, Canaiolo, Ciliegiolo, Montepulciano e Barbera.

 

Infine, vale la pena menzionare anche due rinomati vini bianchi umbri: il Colli Martani Grechetto, elaborato con l’omonima uva, e l’Orvieto Classico, uno storico vino che si ottiene a partire dal Trebbiano Toscano insieme al Verdello.


Share