Aprire un E-Commerce comporta il fatto di dover seguire determinate regole, che oggi vogliamo spiegarvi, sia per quanto riguarda un commercio temporaneo sia per quanto riguarda invece un negozio vero e proprio.

Prendiamo ad esempio che vogliate realizzare un sito e-commerce a Foggia come da titolo, sappiamo che il commercio elettronico o meglio on-line dovremmo dire, oggi riveste un apparato che può avere grande sviluppo e potenzialità che si basano su fattori importanti come lo scambio di feedback che viene a sua volta definito come social commerce, con uno scambio che nei negozi offline non avviene in maniera così diretta e consultabile da un vasto pubblico. L’e-commerce rappresenta quindi un opportunità reale per molti giovani che possono provare ad avviare un attività con pochi semplici passi che andiamo ora ad illustrarvi.

La Direttiva 31/ del 2000 elaborata dalla Comunità Europea stabilisce che si può avviare un e-commerce anche senza autorizzazioni preventive pur mantenendo – questo viene specificato – i requisiti professionali per lo svolgimento delle attività specifiche. Traducendo questo assunto avremo un giovane che può prestare come freelance servizio occasionale fino a 5000 € l’anno potendo – e dovendo – rilasciare ricevuta con la dicitura di prestazione occasionale ai sensi dell’art. 67 lettera i del DPR 917 del 1986. Questa sarà soggetta comunque ad una ritenuta d’acconto del 20% come prevede la legge, superata quella cifra di 5000€ si deve aprire Partita Iva e iscriversi alla Gestione Separata dell’INPS.

Questo vale appunto per le prestazioni occasionakli ma non tutte lo sono, chi ad esempio vende prodotti su Ebay come privato non raggiungerà i 5000€ l’anno e quindi non dovrà aprire una P.Iva ma chi ad esempio ha un negozio online che periodicamente vende i suoi prodotti, dovrà adempiere alla legge andando da un notaio e se questa è una società anche e-commerce a responsabilità limitata semplificata non pagherà le spese notarili mentre in altri casi aprire un attività commerciale può costare anche molto. Dopo questo primo passo ci vorrà:

  1. L’iscrizione alla Camnera di Commercio
  2. Bisognerà presentare la SCIA allo Sportello Unico per le Attività Produttive nel caso di specie a Foggia perché tale atto si presenta nel Comune da dove parte l’attività e dove è residente chi la crea.

A questo punto potrete aprire il sito di riferimento e rivolgervi ad un esperto SEO per il suo posizionamento.


Share