L’Istituto Italiano della Saldatura organizza tre nuove manifestazioni tecniche dedicate rispettivamente alla saldatura di spessori sottili, alla fabbricazione di strutture metalliche saldate e alla robotica ed automazione dei processi in saldatura

“Lo sviluppo delle tecnologie di saldatura per la fabbricazione di prodotti di spessore sottile: conciliare produttività e qualità del processo.”: Tra i numerosi settori in cui i processi di saldatura hanno registrato, nel corso degli ultimi anni, i progressi più significativi troviamo sicuramente quello relativo alla fabbricazione di prodotti saldati di spessore ridotto (per gli scopi di questo evento, si intendono tali spessori attorno al millimetro). A differenza del caso relativo agli spessori più importanti, spesso caratteristici di produzioni su commessa ad elevata specializzazione e con modeste quantità, l’industria impiega spessori di piccole dimensioni in produzioni di grande serie (automotive, elettrodomestici, ad esempio) in cui si pone l’esigenza di conciliare fortissime esigenze di produttività con il rispetto di adeguate specifiche di qualità. Il convegno del 27 settembre 2012, programmato a Genova sotto il Patrocinio dell’Università di Genova si pone l’obiettivo di analizzare l’attuale evoluzione dei processi di saldatura impiegati per queste applicazioni (ad arco elettrico, ad energia concentrata, allo stato solido), valutandone al tempo stesso le performance e la capacità di garantire il rispetto le specifiche suddette, scopi talvolta ritenuti contrastanti, ma che oggi è spesso possibile conciliare con risultati talvolta davvero sorprendenti.
“La fabbricazione di strutture metalliche saldate in Italia oggi: quali opzioni per i costruttori italiani? – Interpretazione del contesto legislativo: dal DM 14 Gennaio 2008 all’attuazione delle Direttive comunitarie – Impiego degli strumenti normativi: la norme EN 1090 – Il controllo del processo di fabbricazione: criteri per la qualificazione del personale e la qualità in saldatura”: L’impianto legislativo e normativo riguardante la realizzazione e la messa in opera di strutture metalliche civili è volto ad assicurare che i prodotti immessi sul mercato soddisfino i requisiti di sicurezza ed affidabilità strutturale richiesti. In tale contesto operano numerose Aziende per le quali non sono ancora chiari i confini del ruolo di Fabbricante, ma soprattutto dei rischi imprenditoriali cui vanno incontro nel caso in cui non siano rispettate le garanzie civilistiche che vengono richieste sui componenti strutturali. Il seminario del 16 ottobre 2012, in programma a Padova e patrocinato da Confindustria Padova, ha come scopo quello di fare un punto della situazione in questo particolare settore della fabbricazione saldata, per fornire alle Aziende interessate, spesso parte debole della catena economica e finanziaria degli appalti infrastrutturali, indicazioni per avere maggiore coscienza dei rischi imprenditoriali di settore che, pur essendo largamente dipendenti dalla specifica situazione aziendale, devono fondarsi su un’analisi delle cogenze e del rapporto costi-benefici derivante da una corretta gestione dei processi produttivi; tale gestione deve comprendere anche una pianificazione dei propri investimenti volta all’innovazione ed alla competitività e non solo per assolvere a adempimenti burocratici spesso inutili e costosi.
“Robotica ed automazione dei processi in saldatura: quali alternative ai processi convenzionali?”: A quasi due anni di distanza dall’ultima manifestazione organizzata, IIS e SIRI (Associazione Italiana di Robotica ed Automazione) rinnovano una collaborazione ormai storica proponendo un nuovo Evento tecnico dedicato all’automazione ed alla robotica in saldatura. Nell’arco di due anni, molto sono cambiati gli scenari nazionali e internazionali e i costruttori appaiono oggi ancora più prudenti nell’affrontare nuovi investimenti dedicando spesso un’attenzione crescente al rinnovamento di tecnologie già presenti in azienda (si parla, al riguardo, di retrofitting e refurbishment).Tuttavia, la complessità dei mercati sembra accelerare il progresso delle tecnologie applicate, allargando in modo significativo lo spettro delle applicazioni, sia automatiche che robotizzate. Consolidando una tendenza già rilevante da alcuni anni, l’uso di robot saldatori può divenire conveniente sia nel caso di produzioni in grandi lotti sia in quelle di nicchia. In particolare, in alcuni casi, l’opzione offerta dai processi automatici o robotizzati, con le ottimali condizioni di riproducibilità che essi garantiscono, appare come una scelta addirittura irrinunciabile quando siano previste specifiche particolarmente stringenti e/o requisiti di carattere estetico difficilmente ottenibili altrimenti. Si possono quindi individuare linee di tendenza ormai consolidate, seppur in ulteriore evoluzione, come l’adozione di nuovi processi di saldatura (friction stir welding, processi ibridi etc.); nuovi sistemi di programmazione, controllo e tracciabilità del giunto saldato sono resi disponibili inoltre dalla sempre maggiore integrazione tra i generatori ed il braccio (o la testa) di robot o impianti. Questo Convegno si prefigge lo scopo di analizzare lo stato dell’arte della tecnologia, con un’attenzione particolare alle linee di sviluppo che appaiano più significative, grazie ai contributi di alcuni dei più importanti Enti di ricerca e la testimonianza di alcuni dei costruttori maggiormente impegnati nell’implementazione di queste tecnologie. Il convegno è in programma a Milano il 27 novembre 2012, sotto il Patrocinio di Anasta.
Tutte le informazioni per quanto sopra sono disponibili sul sito www.iis.it alla voce “Manifestazioni Tecniche” oppure possono essere richieste a ivana.limardo@iis.it


Share