L’Opera lirica è uno spettacolo particolare che riesce ad affascinare anche gli spettatori occasionali più scettici nei confronti di questo genere musicale; anche se generalmente amata da un pubblico non più giovanissimo, la rappresentazione di un opera lirica, grazie al trasporto emotivo delle melodie ed alla potenza delle voci dei cantanti, è in grado di farsi apprezzare anche dal pubblico più giovane.

Una location unica nel suo genere, che garantisce sempre uno spettacolo meraviglioso, è l’Arena di Verona, che da 90 edizioni porta la tradizione lirica nell’anfiteatro, proponendo di edizione in edizione alcuni fra i più grandi classici internazionali, che nell’Arena diventano interpretazioni liriche su larga scala.

La stagione lirica Verona arriva quest’anno alla sua 90esima edizione e festeggia con una première d’eccellenza. Il 22 Giugno infatti la stagione inizierà con l’unica opera del compositore austriaco Mozart, che ha avuto una vita scenica praticamente ininterrotta, ovvero il Don Giovanni: a partire dalla prima rappresentazione, avvenuta a Praga nel 1787, l’opera è costantemente stata proposta nei teatri di tutta Europa e di tutto il mondo e l’Ottocento romantico la giudicò addirittura come l’opera per eccellenza e le riservò un posto d’onore nell’olimpo delle Opere liriche, accanto al Faust di Goethe.

La Fondazione Arena di Verona sceglie quindi un classico eccezionale per aprire le opere arena Verona e, come sempre, oltre a curare di anno in anno la scelta delle opere in programma, si preoccupa in prima persona anche della scelta dei cantanti e dei registi. Per il dramma giocoso di Mozart che aprirà il Festival lirico 2012 la Fondazione si affiderà infatti alla direzione di Daniel Oren: direttore d’orchestra già noto nel panorama lirico, a soli 20 anni egli vinse il più prestigioso concorso del settore riservato ai giovani direttori d’orchestra, l”Herbert von Karajan”, e da allora collabora con i più famosi teatri del mondo come l’Opéra Bastille di Parigi, lo Staatsoper di Vienna, il Metropolitan di New York, il Covent Garden di Londra, il Teatro Colón di Buenos Aires ed il Teatro dell’Opera di Tokyo.

La regia e le scene del Don Giovanni saranno affidate alla mano ferma ed al gusto maniacale per la perfezione di Franco Zeffirelli, mentre il personaggio chiave dell’opera, il Don Giovanni, verrà interpretato dal basso-baritono di fama internazionale Ildebrando D’Arcangelo, che proprio interpretando Così fan tutte ed il Don Giovanni di Mozart, vinse nel 1989 e nel 1991 il Concorso Internazionale Toti Dal Monte di Treviso.

A quest’opera il cantante lirico è molto legato anche per il fatto che fu proprio interpretando Mesetto (il neo-sposo di Zerlina, la giovane che Don Giovanni cerca di sedurre durante i festeggiamenti per le sue stesse nozze), che nel 1994 D’Angelo debuttò al New York’s Metropolitan Opera e da quella performance in poi, il palco newyorkese si dimostrò molto interessato alle sue interpretazioni tanto che le collaborazioni tra il basso-baritono ed il Met, divennero molto frequenti anche negli anni avvenire e lo resero un personaggio acclamato anche dal pubblico americano.

Gli appassionati dell’ opera Verona 2012 si dovranno quindi preparare a delle performance uniche, in primis per l’alto livello dei professionisti che si esibiranno ed in secondo luogo per l’atmosfera e l’acustica unica, che solo un anfiteatro con duemila anni di storia alle spalle, può creare.

Articolo a cura di Serena Rigato
Prima Posizione Srl- keywords marketing


Share