Durante l’allestimento della prestigiosa mostra di “Spoleto Arte incontra Napoli” presso il rinomato Museo PAN a Napoli, a cura del professor vittorio sgarbi, la talentuosa artista modenese Maria Pia Severi ha esposto una serie di interessanti fotografie artistiche, caratterizzate dal suo inconfondibile e originale stile espressivo. Inoltre, in data sabato 2 luglio 2016, la Severi, insieme al noto stilista Alviero Martini, è stata protagonista di un importante evento di presentazione del suo nuovo libro, dal titolo “Napoli questa sconosciuta” per rendere omaggio all’affascinante e misteriosa città partenopea. L’iniziativa, è stata organizzata dal manager della cultura Salvo Nugnes.

Nel volume, di recente pubblicazione, la Severi coglie, nei suoi scatti d’autore, contesti e ambientazioni particolari del magnifico capoluogo campano e mette in luce aspetti suggestivi e di grande emozione. Nelle fotografie, cattura e conquista una visione inedita e non ancora conosciuta di Napoli, personalizzando al massimo la chiave di lettura interpretativa delle immagini e delle raffigurazioni proposte. La sua abilità esecutiva si dimostra al meglio e il libro si offre come curiosa e accattivante proiezione di un luogo, che da sempre conserva e custodisce un’atmosfera di magia unica e inimitabile e valorizza pienamente la portata della sua dimensione storica, artistica e culturale. Non per niente l’antico proverbio, tramandato e perpetrato nel tempo, recita “Vedi Napoli e poi muori”.

Sull’arte fotografica della Severi, Sgarbi ha spiegato “La fotografia della Severi è fuggitiva, non focalizza un luogo e non riproduce un momento, ma uno stato d’animo per una perdita dei sensi, uno stordimento. Come chi si sveglia all’improvviso e ricorda soltanto i frammenti di un sogno, perdendone il senso, la continuità narrativa”.


Share