La musica è una passione che in Italia accomuna moltissime persone, giovani e meno giovani ed è anche uno strumento attraverso il quale da qualche decennio a questa parte, si cerca di organizzare eventi che possano raggruppare un buon numero di persone desiderose di partecipare economicamente per promuovere una giusta causa.

Tanto nelle grandi come nelle piccole comunità le occasioni per cui si renda necessaria la partecipazione economica della comunità, sono certamente numerose ma spesso gli eventi benefici che riescono a raccogliere il maggior numero di partecipanti sono quelli che hanno come testimonial o come ospite uno o più personaggi famosi; questa tendenza ha portato a non poche critiche dato che moralmente appare lampante che molti testimonial famosi del passato, oltre a prestare la loro immagine per copertine o per qualche minuto di presenza ai concerti, non sembrano agire, nella loro quotidianità, per mettere in pratica la politica di aiuti e di moderazione che predicano dagli stage internazionali.

A tal proposito anche un regista ed attore italiano di fama internazionale come Carlo Verdone ha espresso il proprio dissenso nei confronti di quei concerti ed eventi benefici che vengono organizzati e concepiti come eventi promozionali di vip che in sostanza fanno un discorso e poi riprendono il jet privato per tornare alla loro vita agiata di sempre.

Il vero evento benefico dovrebbe essere un occasione per raggruppare molte persone unite dalla passione per la musica e dalla voglia di partecipare, ciascuno in misura alle proprie possibilità, alla raccolta di denaro da destinare ad un certo progetto. Durante la serata milanese è stata creata una sorta di staffetta fra il cantante della solidarietà, i comici di Zelig Max Pieriboni e Francesco Rizzuto e alcune giovani ballerine.
I cittadini di Milano hanno di recente avuto l’occasione di assistere ad un vero e proprio evento di questo tipo, organizzato lo scorso 29 Marzo presso il Teatro San Babila; il concerto è stato organizzato dall’azienda in franchising Orocash per promuovere il nuovo cd del cantante della solidarietà e per dare il via ufficiale al suo nuovo tour, il “Sogno Tour 2012”.

Il cantante, alias Salvatore Ranieri è un giovane che come tanti ha nel cuore la passione per la musica ed ha però deciso di mettere la propria faccia- una faccia non famosa, ma non per questo meno degna di merito- al servizio della cause benefiche e delle organizzazioni ONLUS; da più di tredici anni infatti Salvatore collabora con diverse associazioni di volontariato per raccogliere fondi da destinare interamente a cause benefiche all’interno del territorio italiano o anche a progetti internazionali.
Il tour che è partito il 29 Marzo, con la serata del San Babila, prevede la raccolta di donazioni ricerca sul cancro pediatrico, patologia che nel solo territorio italiano causa in media da 500 a 600 morti all’anno. Alla serata era presente infatti anche il Prof. Roberto Tonelli del dipartimento di farmacologia dell’Università di Bologna, che ha studiato un nuovo farmaco biotecnologico che, basandosi sulla scoperta di molecole analoghe al dna, è specifico per la cura delle più diffuse forme tumorali che si sviluppano nei bambini.
Alla serata hanno collaborato, in qualità di presentatori, il giornalista Carlo Vittorio Giovannelli e Susanna Messaggio, mentre tra il numeroso pubblico erano sedute altre facce note dello sport e dello spettacolo come Stefano Tacconi, Alberto Fortis, Oriella Dorella, Ronnie Jones, Leone di Lernia e Claudia Peroni.

Articolo a cura di Serena Rigato
Prima Posizione Srl- marketing non convenzionale


Share