Se avete già avuto il tempo di esplorare Sirmione, sappiate che a pochi chilometri da questa cittadina, ci sono ancora un’infinità di angoli da scoprire.
Qui di seguito vi elenchiamo una piccola serie di proposte fuori porta, a meno di 70 km di distanza dal vostro hotel a Sirmione.

Il Giardino Botanico André Heller
Potete raggiungere questo splendido complesso ecologico che si trova in località Gardone Riviera (35 km da Sirmione), percorrendo la SPBS572.


Il giardino Heller si sviluppa su circa 10.000 metri quadrati di superficie e ospita specie botaniche provenienti da ogni parte del mondo. Creato nel 1912 da Arturo Hruska, medico dentista alla corte dello zar, fu acquistato nel 1988 dall’artista André Heller che vi collocò all’interno, sculture di artisti contemporanei come Keith Haring, Roy Lichtenstein, Erwin Novak, Mimmo Paladino e Susanne Schmoegner.

Osservatorio Astronomico e fienili di Cima Rest
L’Osservatorio Astronomico si trova nel comune di Magasa, circa 65 km da Sirmione, per arrivarci potete percorrere la SP9.
Il cielo di questa valle è libero da inquinamento atmosferico ed è particolarmente luminoso, per questo motivo è possibile osservarlo in condizioni ideali.
Gestito dall’Associazione Astrofili di Salò, che mette a disposizione di esperti e principianti i propri strumenti d’osservazione,
è visitabile da Maggio a Settembre ed è consigliabile prenotare le visite con un certo anticipo.
Sempre in località Cima Rest, nelle immediate vicinanze dell’osservatorio, si trovano delle architetture rurali molto particolari: i fienili del borgo.
I fienili più antichi risalgono al 1600 e presentano un piano rialzato in assi di legno per la raccolta del foraggio, il piano terra era invece utilizzato come stalla o magazzino. Il tetto spiovente è formato da circa 7500 fastelli di paglia, disposti in modo da risultare idrorepellenti.
Alcune di queste costruzioni, che venivano utilizzate come caseifici, sono state recuperate ad uso turistico e ricettivo, una in particolare invece, ospita il Museo Etnografico della civiltà contadina.

Caterina Pomini


Share