Il riso, il cui nome scientifico è “Oryza sativa”, è un cereale di origine cinese appartenente alla famiglia delle Graminacee. Viene coltivato in molte parti del mondo ed è consumato ovunque, in particolar modo in Oriente. E’ un alimento versatile e può essere utilizzato come primo piatto o per accompagnare i secondi piatti in sostituzione del pane. Si distingue principalmente in chicchi corti e arrotondati e in chicchi lunghi, e ne esistono tantissime varietà: bianco classico, integrale, nero, rosso, arborio, carnaroli, basmati, parboiled, thai, selvaggio, ecc.
Il riso è privo di glutine, quindi adatto a chi soffre di celiachia, ha poco sodio, pochi grassi, e contiene fibre, vitamine D e B, ferro, calcio, potassio e fosforo.
Le sue qualità benefiche sono molteplici:
– è un alimento altamente digeribile perché i suoi nutrienti vengono assorbiti facilmente a livello intestinale grazie alla vitamina B,
– è disintossicante perché aiuta a depurare l’organismo,
– regola ed equilibra la floraintestinale,
– ha un’azione antiossidante perché contrasta i radicali liberi,
– protegge i reni e gli apparati gastrointestinale e cardiocircolatorio.

Vediamo nel dettaglio le varietà più note:
Riso Bianco Classico: uno dei più conosciuti, è ricco di amido, ha qualità astringenti e aiuta in caso di fermentazioni intestinali.
Riso Parboiled: è particolarmente ricco di vitamine B e ferro e aiuta il metabolismo.
Riso Basmati: può costituire un contorno e sostituire il pane, favorisce la digestione, ed è la varietà che contiene meno grassi. Ha un sapore delicato e un aroma molto piacevole.
Riso Nero: ha origine dal seme di una pianta acquatica e contiene circa il doppio delle proteine rispetto a quello bianco. E’ indicato in modo particolare in caso di disturbi come gastrite e colite.
Riso Rosso: il colore di questo specifico tipo di riso si ottiene dalla fermentazione con un lievito che lo arricchisce inoltre di alcune sostanze indicate per contrastare il colesterolo LDL alto e i trigliceridi. In più, aiuta a pulire le arterie e a prevenire malattie cardiovascolari. E’ sempre bene consultare il proprio medico per le dosi da assumere.
Riso Integrale: al contrario di quello bianco, si ottiene non privando il chicco della sua pellicola esterna. Ha un effetto disintossicante, aumenta il senso di sazietà, e grazie alle fibre contenute è ideale per le diete e per chi soffre di stitichezza. E’ ricco di vitamine B1, B2, B9 e PP, rame, ferro, zinco, fosforo e selenio e contribuisce a proteggere l’apparato cardiocircolatorio e gastrointestinale.
A questo punto rimane soltanto l’imbarazzo della scelta!


Share