Ultimamente, sono sempre più le compagnie assicurative che offrono al cliente la possibilità di rateizzare il pagamento del premio in più polizze mensili anziché in un’unica soluzione annuale. In questi tempi piuttosto critici sotto il profilo economico, pagare il premio assicurativo in diverse rate, rappresenta per chi stipula una polizza, una soluzione accessibile e più gestibile rispetto al sistema tradizionale. Inoltre, tale strategia consente di arginare un fenomeno piuttosto delicato e diffuso anche nel nostro Paese, ovvero quello della circolazione di auto prive di copertura assicurativa.

In cosa si distinguono le RC auto a rate mensili rispetto alle vecchie polizze annuali? Rispetto alle polizze annuali quelle a rate mensili consentono di dilazionare il pagamento della quota in diverse rate pur restando a tutti gli effetti, a livello di definizione, delle polizze, appunto, “annuali”. Questa è una delle ragioni per cui è necessario distinguere questa tipologia di polizze da quelle “a tempo determinato”, stipulate invece per avere una validità limitata a un determinato periodo di tempo. Le rate mensili variano in base alla tipologia di contratto scelto e alle sue condizioni, per cui prima della sottoscrizione del contratto, occorre prestare attenzione a una serie di fattori che potrebbero incidere sulla formula complessiva della nostra polizza. In generale, pur essendo le proposte delle compagnie assicurative diversificate, le rate vanno solitamente dai 10 ai 12 mesi.

Tra gli elementi da valutare prima della sottoscrizione di una polizza RC auto a rate mensili, sono particolarmente importanti i costi e gli interessi. Infatti, se da un lato queste polizze offrono l’indiscusso vantaggio di pesare meno sul reddito familiare complessivo, diluendo il pagamento della polizza in più soluzioni, dall’altra parte, esistono degli interessi finanziari che vanno tenuti in considerazione. Può essere utile, dunque, valutare differenti formule per comprendere quale sia la più adatta al nostro caso, e soprattutto, verificare il tasso di interesse finanziario associato a ogni singola proposta.

Diventa così semplice comprendere quali siano i soggetti e le situazioni per cui questa tipologia di polizza può rivelarsi conveniente. Chi percepisce uno stipendio mensile, può affidarsi a questa soluzione senza eccessivi pensieri o dubbi, dal momento in cui può disporre di una quota mensile da destinare al pagamento del premio in maniera costante e più agevole. Anche chi possiede più di un veicolo a quattro ruote può sfruttare questa tipologia di pagamento per evitare di versare in un’unica soluzione le quote annuali legate a ciascun veicolo. Mentre, per chi non può disporre di un fisso mensile, la questione potrebbe essere più delicata e da ponderare con più di attenzione per comprendere se sia davvero conveniente versare differenti rate con qualche interesse anziché una sola una volta all’anno. Come sempre, un consiglio utile quando si va incontro alla sottoscrizione di un contratto assicurativo di qualunque tipo, è analizzare i pro e i contro di ogni tipologia di soluzione, che variano in base alle esigenze di ognuno, e alle proprie disponibilità economiche, alle spese preventivate o da sostenere durante l’anno in corso.


Share