Negli ultimi anni è entrata in vigore ufficialmente la figura dell’amministratore di condominio, una persona che si occupa di tutte le esecuzioni da rendere attive all’interno di un condominio. I suoi ruoli possono essere molteplici e molto dipende dalle richieste. Per esempio il ruolo classico è quello di amministrare e gestire al massimo i beni comuni e di eseguire le delibere in assemblea condominiali. Secondo le recenti leggi, il ruolo può essere svolto da una persona fisica o da una società, l’importante è che entrambi abbiamo i requisiti richiesti dalla legge. Da ricordare che la nomina degli amministratori condominiali verona deve essere effettuata almeno da otto condomini, in casi di palazzi più piccoli non è necessaria la figura di amministratore. La durata dell’incarico dura un anno e solitamente ha un contratto con rinnovo automatico

Quali sono i requisiti previsti dalla legge?

Le persone o le aziende che vogliono assumere il controllo come amministratori di condominio, devono avere il godimento dei diritti civili, non essere stati contattati e non essere sottoposti a misure di prevenzione. Inoltre è necessario che la figura, per offrire la massima professionalità in materia di amministrazione condominiale, sia in grado di dimostrare il diploma di scuola secondaria di secondo grado e di aver seguito un corso di formazione. In alcuni casi gli stessi condomini, possono scegliere come amministratore uno dei proprietari, questa è chiamata amministrazione non professionale, in questo caso non è richiesto l’obbligo di seguire un corso specializzato.

Quali sono i doveri e i compiti dell’Amministratore?

Il primo ruolo fondamentale è quello di rappresentare i condomini, ovvero promuovere azioni giudiziali nei confronti del complesso sia contro terzi che nei confronti degli stessi condomini. Ogni amministratore professionale deve comunicare i dati anagrafici e i dettagli su dove vengono tenuti i registri dell’anagrafici condominiale. Inoltre è importante che venga stipulata una polizza che lo compra in caso di errore professionale e questo viene richiesto direttamente dai condomini. Le sue generalità devono essere sempre disponibili anche in un documento presente nella bacheca o in un luogo comune per poter essere contattato in caso di bisogno. L’amministratore è dovuto a riscuotere i contributi, erogare le spese necessarie per la manutenzione ordinaria, curare tutti gli adempimenti fiscali, curare l’osservanza del regolamento di condominio e tenere un registro di anagrafe condominiale dove registrare i dati dei singoli proprietari e degli altri titolari di diritti sui singoli alloggi.


Share