Psicoterapia: dalla terapia di gruppo ai disturbi dell'età evolutivaPsicoterapia: dalla terapia di gruppo ai disturbi dell’età evolutiva

Volendo racchiudere la psicoterapia in una definizione, si potrebbe dire che è una cura di disturbi psicologici di natura ed entità diversa, dai più semplici disagi personali fino ai disturbi più gravi come sintomi nevrotici o psicotici che ostacolano il benessere di una persona. La psicoterapia è uno strumento per il cambiamento personale, che significa apprendere ed usare nuovi schemi comportamentali, nuovi modi di vivere e nuove prospettive, lasciando indietro quei comportamenti, pensieri e modi di vivere che ostacolano il benessere psicofisico e la salute mentale. La psicoterapia si applica basandosi sui principi della psicologia e può distinguersi a seconda dell’orientamento in: psicoterapia cognitivo – comportamentale, psicoterapia psicodinamica, psicoterapia umanistica, psicoterapia sistemica, psicoterapia psicocorporea e psicoterapia integrativa. In base alla composizione e alla destinazione possiamo distinguere in: psicoterapia di gruppo, di coppia, familiare, di gruppo ed di età evolutiva.

Psicoterapia Individuale

La psicoterapia individuale è un momento nel quale una persona va alla scoperta di se stesso, parla delle sue sensazioni, delle sue emozioni, del suo vissuto, delle sue paure, delle sue difficoltà e uno psicoterapeuta lo ascolta ponendo “le giuste domande” che lo indirizzino alla comprensione e alla modifica del proprio atteggiamento nei confronti di se stesso, della vita in generale e degli altri. Si inizia una psicoterapia individuale per arrivare ad un cambiamento, alla risoluzione del problema, attraverso la scoperta di nuove risorse per affrontare la vita.

Psicoterapia di coppia

Una coppia è sana quando segue regole ben precise e all’interno di essa i ruoli sono ben definiti, ma anche flessibili e suscettibili di modificazioni. Nella società odierna, sempre più complessa, gli individui devono sempre ridefinire e rendere esplicite le loro idee nei confronti della coppia e dell’altro. Senza chiarezza e coerenza, possono emergere frustrazione e conflitto. Con la terapia di coppia si vuole risolvere un disagio e ricreare il contatto tra i due, adeguandosi alle nuove circostanze e ai nuovi bisogni.

Psicoterapia Familiare

La psicoterapia familiare è rivolta al nucleo “famiglia”, essenziale e fondamentale, e si occupa di tutti i cambiamenti che influenzano la persona e i suoi comportamenti, riportati, in seguito, all’interno del contesto familiare che cambia a sua volta e offre ai componenti nuove visioni e nuove prospettive. Con la psicoterapia familiare si mira ad una riorganizzazione completa del nucleo, dei ruoli e dei compiti di ognuno.

Psicoterapia di Gruppo

La psicoterapia di gruppo è una modalità di psicoterapia che prevede la risoluzione di problemi attraverso la partecipazione di più persone e la guida di un esperto. Un gruppo per affrontare i problemi, all’interno del quale portare il proprio vissuto, le proprie consapevolezze e le proprie paure e trovare una soluzione attraverso la guida dello psicoterapeuta sempre pronto a condurre la discussione nella giusta direzione. Un modo per scoprirsi e per relazionarsi, per scoprire le proprie forze e capacità attraverso l’aiuto che si può dare agli altri componenti. Diverse personalità e stai d’animo che si incontrano, nonostante le diversità, per capire, per affrontare il disagio e superarlo. Il gruppo diventa così qualcosa di intimo e di privato, all’interno del quale ci sono persone che realmente capiscono l’altro. Con la psicoterapia di gruppo si possono affrontare diverse problematiche come l’abbandono (separazione o perdita di una persona cara), problemi di ansia, depressione ed altri.

Psicoterapia dell’Età Evolutiva

La psicoterapia dell’età evolutiva è rivolta ai bambini che manifestano un disagio. I bambini manifestano sintomi che riguardano tutto il sistema in cui sono inseriti, qualcosa che non va nell’ambiente che li circonda, a scuola o in famiglia. La psicoterapia mira a dare al bambino la possibilità di aprirsi e di comprendere ciò che lo circonda. E’ importante che anche i genitori seguano questo percorso per esplorare, comprendere, migliorare le loro capacità di funzionare come coppia coniugale e genitoriale e le loro competenze educative e di relazione con i figli. Tra le modalità di esternazione del disagio di un bambino ci sono i Disturbi specifici dell’Apprendimento che riguardano lo sviluppo di bambini intelligenti e sani che nonostante ciò non riescono ad avere padronanza dei processi di lettura, scrittura o calcolo. Stiamo parlando di dislessia, disortografia, disgrafia e discalculia che possono presentarsi associati o indipendenti. La dislessia è la difficoltà di decodifica di un testo che si manifesta in un’incapacità di lettura fluente; la disortografia riguarda l’incapacità di non rispettare le regole di trasformazione dal linguaggio parlato a quello scritto; la disgrafia è un disturbo che riguarda la capacità di riproduzione di segni alfabetici e numerici e la discalculia riguarda le capacità numeriche e aritmetiche.

Studio Associato Logos

Centro di Psicoterapia a Roma
www.centropsicoterapia.it


Share