Le proteine in polvere rappresentano un integratore impiegato frequentemente dagli sportivi, non solo a livello agonistico. Anche chi pratica Bodybuilding oppure ciclismo a livello amatoriale può utilizzare le vitamine in polvere per accrescere la propria massa muscolare. Solitamente le proteine vengono assunte attraverso alimento come carne, pesce e uova, oltre a legumi e formaggi. Gli integratori, invece, possono essere di tre tipi: in polvere, sotto forma di barretta proteica e in bottiglia, pronti da bere. A loro volta le queste proteine possono essere di diverse tipologie, anche se le più diffuse sono quelle del siero di latte, ma esistono anche quelle dell’uovo, della soia e della caseina. In sostanza, le proteinesono costituite da un mix di proteine e di “aminoacidi”.
Uno dei maggiori vantaggi di questo tipo di proteine è dato dall’alta digeribilità e nella rapida assimilazione. Sono molto facili da assumere, in quanto è sufficiente diluire la polvere in un bicchiere d’acqua.

Queste proteine possono essere assunte da chi pratica costanti allenamenti. In particolare, un adolescente può trovare utilità nelle proteine in quanto il suo corpo è ancora nella fase dello sviluppo consumando, normalmente, una maggiore quantità di proteine. Anche le persone che stanno per dedicarsi ad un nuovo programma di allenamento per scolpire i muscoli necessitano di un quantitativo maggiore di proteine. I runner, invece, possono ricorrere alle proteine in polvere quando vogliono dare una spinta in più alle proprie sedute in vista di una gara che si svolge su una distanza maggiore di quella sulla quale solitamente si allenano. Chi si trova nella condizione di dover recuperare da una lesione subita, soprattutto se tale evento si ripete con una certa frequenza, può facilitare il processo di guarigione ricorrendo a tale integratore. Le proteine in povere possono anche essere assunte da chi desidera perdere peso, in quanto offrono una sensazione di sazietà, evitando di dover consumare altri alimenti. Diversi studi hanno confermato come le tali proteine sono in grado di trasportare i “bioattivi nel corpo” riducendo, di conseguenza, il colesterolo. Infine, rappresentano una risorsa importante per i vegetariani (e, ancor di più, per i vegani) che, per scelta, non possono fare ricorso alle proteine di carne e pesce (i vegani non assimilano neppure quelle dei latticini e delle uova).

Il loro impiego, in particolare, è indicato al mattino, appena alzati, in quanto rappresenta il momento nel quale l’organismo è in fase di “catabolismo muscolare” e necessità di un aiuto. È consigliato assumere proteine in polvere anche una volta terminato l’allenamento, in modo da riuscire a nutrire e a ricostruire i muscoli subito dopo lo sforzo. In alternativa, è possibile assumerle in piccole dosi nell’arco delle ore diurne. È importante sottolineare come le proteine non abbiano la capacità di agire sulla massa grassa (facendo dimagrire o ingrassare) ma solo di portare ad un incremento degli stessi muscoli. Per quanto riguarda la quantità da assumere, coloro che svolgono attività sportive in modo occasionale, possono consumarne una quantità di circa 1-1,50 grammi al giorno per ogni chilo di peso. Chi pratica attività agonistica necessita, invece, di 1.2-1.8 grammi per ogni chilo. Se l’obiettivo è quello di aumentare la massa muscolare, infine, la quantità sarà di circa 1.4-1.9 grammi.


Share