Il disegno è l’arte dell’espressione e della libertà di una determinata persona.
Il disegno è un tramite tra la mente dell’artista e le persone che osservano l’opera, permette di dare una forma definita ai pensieri e alle idee.
Rappresenta un linguaggio universale, comprensibile a tutti.

Il disegno prende due strade principali: disegno tecnico e disegno artistico. Nel primo emergono i sentimenti e le emozioni; il secondo si basa esclusivamente sulla precisione eliminando l’emozione. Questi si trovano nelle scuole artistiche.
I materiali da utilizzare sono tanti e molto spesso sono davvero dispendiosi.
Le matite si classificano in varie durezze: più la matita contiene graffite più il tratto è morbido e scuro, più contiene argilla più il tratto è meno definito e duro. Le portamine sono una soluzione alternativa alle classiche matite.
Vi sono poi i carboncini e gli sfumini: i carboncini sono una matita formata da un materiale molto tenero che si ottiene carbonizzando dei pezzi legnosi, mentre gli sfumini sono dei cilindri di carta compressa con le estremità cilindriche, sono utilizzati per ottenere leggere sfumature strofinandoli sul tratto di matita.
La carta può essere inoltre di vari tipi: i più comuni sono liscia e ruvida. La carta liscia è ottima per realizzare disegni realistici, mentre la carta ruvida è utilizzata per disegni a carboncino, acquerello e pittura.
Molto importante è lo spray fissativo: permette di non sbavare il disegno fissando la graffite, inoltre lo proteggie dalla luce e dagli agenti atmosferici.
Oltre alla classica gomma, ci sono vari tipi di gomme per cancellare. La gommapane non si consuma, non si sbriciola e funziona assorbendo la graffite dal foglio da disegno. Ci sono poi le gomma-matita, ovvero delle matite che al posto di avere la mina di graffite all’interno hanno una mina di gomma, ottime per correzzioni precise.
Per quanto riguarda gli inchiostri e la pittura ci sono molti tipi di prodotti: la china è un inchiostro normalmente di colore nero, che si trova però anche di altri colori, originario della Cina. Si presenta liquido, ma una volta steso sul foglio si secca e diventa completamente opaco.
Vi sono poi gli acquerelli, composti da un pigmento finemente macinato e diluito in acqua con un legante. Per questo tipo di materiale si possono utilizzare le tele e se si usano delle tempere è utile anche una tavolozza.

I materiali da disegno tecnico non sono molto diversi da quelli per il disegno artistico, ma alcuni vengono eliminati: sono utilizzati tutti i tipi di righelli, squadre e altri strumenti per la misurazione su carta. Molto importante è il compasso, uno strumento che permette di realizzare cerchi perfetti.
Inoltre il tavolo da disegno tecnico è differente: si tratta del tecnigrafo, un piano inclinato composto da una squadra motata su un goniometro.


Share