Maggio dovrebbe essere la stagione in cui sbocciano i fiori e inizia il caldo e invece quest’anno se guardiamo fuori dalla finestra vediamo violente raffiche di vento unite a scrosci di pioggia ci fanno dubitare del calendario. Cosa allora di meglio di rimanere accoccolati al calduccio sotto le coperte ad ascoltare il ritmo soporifero della pioggia sui vetri della nostra finestra?
Anche se non ci sentiamo particolarmente stanchi “appallottolarci” in un caldo abbraccio quando il tempo inclemente non ci consente di svagarci all’aperto può essere una valida soluzione. Dobbiamo però stare attenti alla posizione che assumiamo a letto perché l’umidità presente nell’aria può contribuire a rendere manifesti i dolori della cervicale favorendo delle contrazioni. La prima condizione fondamentale per ottenere i giusti benefici dal riposo è che venga mantenuta una postura corretta anche quando si è sdraiati. Perché ciò avvenga occorre sia rispettata la naturale curvatura sinusoidale della spina dorsale: il rientro cervicale, la sporgenza dorsale (cifosi) e il rientro lombare (lordosi).
Nel riposo bisogna sempre scegliere la soluzione che permetta il maggior benessere. Per questo Simmons, con il contributo di specialisti, promuove studi medico-scientifici sulla qualità del riposo. Soprattutto quando, come quest’anno, la bella stagione non vuole decidersi ad arrivare e la pioggia frequente non fa altro che alimentare la nostra metereopatia e le nostre contratture, è fondamentale scegliere un materasso che ci consenta di mantenere la corretta postura.


Share