Comunicati Imprese

Pubblica qui i tuoi Comunicati Stampa e aumenta la tua voce in rete

Grandi nomi del Franchising per un grande evento!

Trapelano un po’ di informazioni dell’attesissimo evento internazionale dedicato al mondo del Franchising…

Best Franchisee of the World, quest’anno, si terrà il 6 Dicembre presso Palazzo Borghese, a Firenze.

Sono già tanti i marchi che da tutto il mondo verranno per partecipare alla selezione del miglior affiliato del 2014.

Come ogni anno, anche per la sua quarta edizione, la Giuria Internazionale sarà composta da esperti del settore.

Ma diamo in anteprima alcuni nomi…

Eduardo Abadia Gonzalez, Presidente di AEF (Associazione Spagnola Franchising); Italo Bussoli, General Director di AIF (Associazione Italiana Franchising); Chantal Zimmer, Direttore Esecutivo di FFF (Federazione Francese Franchising); Diego Elizarraras Cerda, Presidente di AMF (Associazione Messicana Franchising); Katalin Mandel, Ceo di HFA (Associazione Ungherese Franchising); Cristina Matos, General Director di APF (Associazione Portoghese Franchising); Ricardo Camargo, Direttore di ABF (Associazione Brasiliana Franchising).

Grandi nomi, quindi, per un grande evento!

Per informazioni su come partecipare a Best Franchisee of the World 2014 scrivete a sonia.pira@bestfranchiseeoftheworld.com

www.bestfranchiseeoftheworld.com


Share

Gli italiani e la seduzione in auto

L’automobile non è semplicemente un mezzo di trasporto, ma una compagna di vita, una passione, un vero e proprio amore. Ma cosa succede quando l’abitacolo della propria quattro ruote diventa un luogo di seduzione? Il Centro Studi e Documentazione Direct Line – la più grande compagnia di assicurazione auto on line http://www.directline.it – ha voluto chiedere agli automobilisti italiani come si comportano alla guida quando sono accompagnati dal un passeggero particolarmente attraente.

 

La ricerca conferma che il carattere passionale che caratterizza il popolo italiano sembra manifestarsi anche alla guida: il 44% del campione intervistato ammette infatti di lasciarsi deconcentrare da un passeggero di bell’aspetto. Nello specifico, il 22% afferma di sentirsi teso, il 9% si considera distratto e il 13% arriva addirittura a distogliere lo sguardo dallo strada per ammirare la persona che ha accanto.

 

Non tutti gli italiani cedono però a comportamenti pericolosi: fortunatamente il 57% afferma con fermezza di restare concentrato e attento alla strada anche quando è seduto accanto ad un passeggero particolarmente attraente. Analizzando i dati per genere, è interessante notare come la tendenza a distogliere lo sguardo dalla strada per guardare il proprio passeggero sia un comportamento diffuso soprattutto tra gli uomini che con il 18% di “colpevoli” superano di ben 10 punti percentuali le automobiliste. Ma interessante notare che anche le donne al volante subiscono il fascino del bel passeggero sentendosi più tese rispetto agli uomini (25% contro il 18% ).

 

Ma qual è l’errore più diffuso tra gli automobilisti che si lasciano affascinare dal proprio passeggero? Sicuramente è quello di sbagliare strada, il 37% ammette infatti di aver sbagliato percorso almeno una volta. A seguire due distrazioni ben più gravi: dimenticare di allacciare le cinture di sicurezza (9%), e fare manovre azzardate (9%) che mettono a rischio la sicurezza stradale propria e degli altri. A sbagliare strada sono specialmente i giovani automobilisti tra i 18 e i 24 anni (45%) e i 45 – 55enni (45%), mentre il 12% dei 25 – 34enni dimentica di allacciare le cinture e il 10% dei 35 – 44enni ammette di incorrere in manovre azzardate. Da sottolineare comunque che quasi la metà degli intervistati (45%) afferma invece di non cadere in alcuna distrazione e di non aver mai compiuto nessuno di questi sbagli nonostante il bell’aspetto del compagno di viaggio.

 

Sbagliare strada non è sempre frutto di una distrazione involontaria: il 59% degli italiani confessa infatti di aver scelto almeno una volta volontariamente un percorso sbagliato per allungare il tragitto e passare più tempo con la persona seduta accanto. Il 26% afferma di aver utilizzato questo escamotage in gioventù, il 21% dichiara di averlo fatto con il partner attuale per poter stare al suo fianco più a lungo, mentre il 12% dice di aver ceduto alla tentazione solo con passeggeri con i quali si è trovato particolarmente a proprio agio. Impassibile invece il 41% che non ha mai utilizzato questo espediente.

 

Lo stile di guida sembra essere una vera e propria arma di seduzione per gli italiani: il 58% degli intervistati ammette infatti di modificare la propria guida per far colpo su un compagno di viaggio particolarmente attraente. Il 26% afferma infatti di averlo fatto almeno una volta, il 19% simula grande sicurezza, mentre il 13% cerca in tutti i modi di apparire disinvolto. Un integro 42% dichiara invece di non aver mai modificato il proprio comportamento al volante per impressionare il proprio passeggero.

 

“Con questo sondaggio Direct Line ha voluto non solo fornire una fotografia ironica della seduzione alla guida, ma anche offrire uno spunto di riflessione – commenta Barbara Panzeri, Direttore Marketing di Direct Line. Ancora troppo spesso infatti capita di lasciarsi distrarre da chi ci sta accanto e di commettere leggerezze che possono dimostrarsi molto pericolose per tutti coloro con cui si condivide il viaggio e per tutti coloro con cui si condivide la strada. Direct Line è da sempre attiva nella promozione di una guida sicura e civile, per questo abbiamo voluto sottolineare come, per quanto possa essere gradevole la persona seduta nel posto passeggero, è di fondamentale importanza non deconcentrarsi e prestare la giusta attenzione alla strada, nel rispetto di tutti”.

 

Fonte della ricerca:

 

L’indagine ha coinvolto 1.000 individui di età compresa tra i 18 e i 64 anni su popolazioni. È stata condotta con metodologia CAWI (computer-assisted web interviewing), attraverso il panel proprietario di Duepuntozero Doxa. Le interviste sono avvenute a aprile 2014.


Share

I vigneti del Piemonte

Tra le montagne più alte e la frescura di collina, nascono i vigneti più rigogliosi e di prestigio che permetto una  produzione di vini piemontesi d’eccellenza, giusti e perfetti a soddisfare i palati e i cultori di questo prodotto di consumo. Se é vero che il vino é un prodotto molto gradito e di medio-alto consumo, é pur vero che in pochi ne sanno riconoscere la vera qualità e le caratteristiche uniche.

Abbarbicato sulle propaggini collinari dell’Appennino ligure, il comune di Tassarolo é conosciuto dall’antichità per la sua radicata tradizione agricola di vitigno coltura. I primi coltivatori di queste piante furono i frati che a partire dall’anno 1000 iniziarono a coltivare queste terre rigogliose e a produrre vino.

Unire tradizione e modernità per poter profittare delle gioie del vino piemonte e ciò grazie alla natura benevola, con la quale se si riesce a parlare e a rispettarla offre il meglio di sé.


Share

Stampare fotografie con una macchina Canon

La filosofia con cui opera il marchio Canon da anni sul mercato di fotografie e stampe è che alcune cose funzionano meglio se utilizzate inseme. Ecco perché consiglia sempre di utilizzare insieme la carta fotografica lucida per stampare fotografie eccellenti e l’inchiostro Canon originale. Infatti la pratica di stampare fotografie a casa si è molto diffusa negli ultimi anni, sia perché il fotografo è molto costoso, sia perché la stampa in casa è una vera e propria comodità. Può essere effettuata ogni qualvolta lo si desideri e i risultati, grazie alle moderne tecnologie, sono ottimali. Questi strumenti sono progettati dall’azienda per offrire i migliori risultati finali. In primo luogo è consigliato trovare il tipo di carta più adatto alle proprie esigenze. Infatti si ricercherà una carta più resistente e dalla qualità professionale se si necessita di esporre le foto in qualche galleria, mentre se le foto sono per un album personale si potrà optare per un modello meno tecnico (e quindi anche meno costoso).
La carta fotografica lucida Pro Platinum è stata progettata pensando agli specialisti del settore ma anche agli appassionati di fotografia, poiché riescono ad offrire risultati professionali. Ve ne sono di diversi modelli tutti utili a soddisfare i desideri dei più esigenti. Poi vi è la tipologia che offre buoni risultati a stampe di tutti i giorni, anch’essa suddivisa in categorie: da quelle a grammatura elevata a quelle con consistenza della vera e propria carta fotografica, per un ricordo indimenticabile. Tutte queste carte sono ben compatibili con l’inchiostro Canon. Il marchio ha anche creato delle apposite carte per adesivi fotografici, che si possono utilizzare su magliette o calendari; questi sono veri e propri strumenti per aumentare la creatività e permettere al cliente di produrre stampe divertentissime.
Dopo un accurata scelta della carta fotografica lucida o opaca a seconda delle preferenze, deve esserci un ulteriore scelta accurata dell’inchiostro Canon. Questi inchiostri riescono a sfruttare al meglio le stampanti, dando dei risultati finali eccellenti, e mantenendo la macchina al massimo delle prestazioni. I colori infatti saranno sempre molto brillanti e precisi, grazie alla loro formulazione. Inoltre le foto in questo modo non saranno soltanto belle ma potranno anche essere molto durature nel tempo. L’azienda si raccomanda sempre di utilizzare inchiostri originali per non danneggiare la macchina stessa oltre che per ottenere il miglior risultato finale.


Share

Bestseller Fashion Group China sceglie il software di Product Lifecycle Management di Centric Software

- Uno dei principali retailer cinesi punta sul software PLM per sostenere la sua crescita e ottimizzare lo sviluppo del prodotto –

Milano, 15 ottobre 2014 – Bestseller Fashion Group China (BFGC) ha scelto la soluzione PLM (Product Lifecycle Management, gestione del ciclo di vita del prodotto) di Centric Software.

Il gruppo BFGC commercializza abbigliamento e accessori dei quattro marchi Bestseller (Solo, Jack & Jones, Vero Moda e Selected) e del marchio indipendente J. Lindeberg in oltre 6.000 punti vendita in Cina. L’azienda utilizzerà il software PLM Centric dedicato ai settori retail, moda, calzature, beni di lusso e di consumo per supportare i propri piani di crescita, ottimizzare ulteriormente lo sviluppo del prodotto e migliorare i processi della supply chain, secondo quanto dichiarato dal CEO di BFGC, Dan Friis.

L’acquisizione di questo cliente conferma i piani di espansione di Centric in Asia. Nel mese di luglio l’azienda ha ottenuto un finanziamento di 24 milioni dollari in venture capital e uno degli obiettivi primari di questo round di finanziamento è supportare i piani di espansione di Centric nel mercato cinese, secondo quanto dichiara Chris Groves, presidente e CEO di Centric.

“Nel mercato dell’abbigliamento e dei beni di consumo la Cina rappresenta una delle maggiori opportunità, sia per i brand che per i retailer”, afferma Groves. “Centric ha molto da offrire per aiutare queste aziende nel proprio percorso di crescita ed espansione; il recente accordo tra BFGC e Centric Software è un esempio perfetto di questa esigenza e di come Centric possa rispondere velocemente a questo bisogno.”

“Il software PLM Centric 8 dedicato ai settori retail, moda e beni di consumo consentirà a BFGC di creare valore di business attraverso la tecnologia”, afferma Friis. Centric 8 consentirà a BFGC di facilitare il lavoro del team di creativi, migliorare l’efficienza e la produttività tra i team di sviluppo e di acquisto, nonché migliorare la collaborazione e la comunicazione tra buyers e fornitori, aggiunge. “L’ottimizzazione delle attività di di supply chain management porterà a un processo di sourcing più trasparente, con una gestione e a un tracciamento più completo degli ordini di acquisto.”

“Parallelamente alla crescita ed alla sofisticazione in corso nel mercato cinese dei beni prodotti di consumo, anche i processi di business di BFGC si stanno evolvendo”, afferma Groves. “Centric 8 aiuterà BFGC a migliorare in modo considerevole l’efficienza, la produttività e la capacità di gestire le complessità del mercato.”

Bestseller Fashion Group Cina (www.bestseller.com)
Bestseller Fashion Group China (BSFG), parte del gruppo danese Bestseller, bestseller.com, è l’azienda di abbigliamento e accessori, localizzata in Cina, di proprietà della famiglia danese Holch Povlsen e di due business partner sempre danesi, Dan Friis e Allan Warburg. Il gruppo distribuisce le proprie collezioni in oltre 6.000 punti vendita in Cina. Bestseller è un’azienda di abbigliamento e accessori a conduzione familiare, fondata in Danimarca nel 1975 da Merete Bech Povlsen e Troels Holch Povlsen. La società offre pronto moda a prezzi accessibili per donne, uomini, ragazzi e bambini. Con sede a Brande, Danimarca, Bestseller vende i suoi prodotti in più di 3.000 di negozi monomarca, in 12.000 negozi multimarca e grandi magazzini in tutto il mondo ed on-line.

Centric Software (www.centricsoftware.it)
Centric Software è un fornitore di soluzioni di Product Lifecycle Management (PLM) dedicate ai settori moda, lusso e beni di largo consumo. La soluzione Centric 8 offre funzionalità dedicate per gestire in maniera integrata i processi di business relativi al ciclo di vita del prodotto: sviluppo prodotto e materiali, sourcing, pianificazione temporale ed economica della collezione, qualità. L’approccio modulare e user-friendly, associato alla metodologia di implementazione Agile DeploymentSM, permette di ottenere benefici rapidamente. Centric ha ricevuto il riconoscimento Frost & Sullivan 2012 Global Product Differentiation Excellence Award come migliore tra le soluzioni PLM dedicate ai settori moda, fashion e retail, ha vinto le Top 100 North America e Top 100 Global Red Herring 2013 ed è stata nominata Market Leader nel PLM per il Fashion nella Annual Review 2012-213 di WhichPLM.

Media Contact:
Nord America: Mary Nowak, Talking Points Professionals, +1 970-416-8877, mnowak@talkingpointspro.com
Europa: Mariateresa Rubino, Simply MOD, +39 389 457 3163, mariateresarubino@simplymod.it

Centric è un marchio registrato di Centric Software. Tutti gli altri marchi e nomi di prodotto possono essere marchi dei rispettivi proprietari.


Share

HOSThinking a design award

Torna il concorso internazionale promosso da Host – Fiera Milano e POLI.design, con il patrocinio di ADI, Associazione per il Disegno Industriale

  

Nell’ospitalità professionale contemporanea, riveste un ruolo crescente la progettualità intesa come capacità di coniugare innovazione tecnologica, funzionalità ed estetica, per creare prodotti e format che rispondano in modo efficace e coinvolgente alle richieste di un consumatore sempre più esigente e “design-aware”. E che da sempre trovano in Host – International Hospitality Exhibition, in fieramilano a Rho da venerdì 23 a martedì 27 ottobre 2015, il punto di riferimento dove le aziende di tutto il mondo presentano in anteprima le novità più all’avanguardia.

 

Da questo concetto e dalla riflessione sulla sua evoluzione, nelle pratiche e nei trend, riparte “HOSThinking, a design award”, nuova edizione del concorso internazionale bandito ancora una volta da HOST- Fiera Milano e POLI.design, Consorzio del Politecnico di Milano, per premiare le migliori proposte in materia di nuovi format dell’ospitalità.

 

Dopo una prima edizione di successo, che ha visto 180 candidature, 71 progetti presentati e 18 proposte in mostra a HOST 2013, torna la sfida aperta a designer e professionisti di tutto il mondo che potranno presentare le proprie visioni innovative per un luogo dell’ospitalità professionale in ambito HO.RE.CA (Hotel, Restaurant, Catering) e Retail.

 

Nello specifico, il design concept dovrà proporre un servizio che coinvolga una nuova esperienza ed un accresciuto coinvolgimento dei consumatori, così come nuove modalità di fruizione, basandosi sui trend di evoluzione del consumo e presentando uno scenario completo e futuribile in termini di servizi, prodotti offerti, grafica, spazi, allestimenti etc. I concept dovranno saper coniugare servizio ed esperienza, prodotti offerti e spazio/contenitore in modo da proporre un progetto completo e coerente.

 

Tutti i partecipanti avranno tempo fino al 30 marzo 2015 per inviare la propria candidatura, personale o di gruppo; è fissata invece per il 30 aprile 2015 la deadline per la consegna dei progetti che dovranno essere in ogni caso inediti e sviluppati espressamente per il concorso.

 

Toccherà quindi ad una giura di esperti, composta da rappresentanti del mondo accademico, da professionisti del settore ed esperti in materia di ospitalità, individuare una rosa di massimo 15 proposte che si saranno distinte per qualità e attinenza all’iniziativa. Ciascun progettista selezionato produrrà a questo punto un modello in scala del proprio progetto e le relative tavole di presentazione che saranno messi in mostra in un’area dedicata all’interno di HOST 2015, il Salone Internazionale dell’Ospitalità Professionale, leader mondiale nel settore Ho.Re.Ca e Retail, in programma a Fiera Milano, Rho, da venerdì 23 a martedì 27 ottobre 2015.

Proprio nell’ambito di HOST 2015, un evento ad hoc sarà dedicato alla proclamazione dei 3 finalisti e della proposta vincente.

 

Il monte premi complessivo, di 7.000 Euro, sarà così ripartito:

1° premio            4.000 €

2° premio            2.000 €

3° premio            1000 €

 

Per maggiori dettagli sulle modalità di partecipazione e per presentare la propria domanda di partecipazione, designer sia italiani sia stranieri potranno consultare il bando disponibile ai siti: www.host.fieramilano.it/hosthinking e www.polidesign.net/hosthinking

 

 HOST 2015

Da 38 edizioni Host, il Salone Internazionale dell’Ospitalità Professionale, è leader mondiale riconosciuto per l’innovazione nel settore Ho.Re.Ca. e Retail, tanto nelle tecnologie quanto nei nuovi format e nei trend di consumo, dove 1.600 aziende incontrano 1.500 hosted buyer profilati e 125mila operatori professionali. Alla prossima edizione, a fieramilano a Rho da venerdì 18 a martedì 22 ottobre 2013, le rinnovate aree Arredo e Tavola presenteranno insieme i produttori top di arredo, complementi e tableware. Arredo e Tavola coniugherà l’innovatività di tecniche e materiali con il design, proponendo layout completi, pronti per diventare idee-progetto subito attuabili per i professionisti dell’ospitalità.

 

POLI.design

Tradizione e innovazione, qualità e capacità di collegamento con il mondo professionale sono i capisaldi che fanno di POLI.design, Consorzio del Politecnico di Milano, una fra le realtà di riferimento a livello internazionale per la formazione post laurea. Insieme alla Scuola del Design e al Dipartimento di Design, POLI.design fa parte del prestigioso Sistema Design del Politecnico di Milano, istituzione universitaria di riconosciuta eccellenza che riunisce attorno a sé un polo di ricerca e formazione unico nel suo genere.

La relazione diretta con il mondo professionale è garantita dalla componente associativa. Fanno infatti parte del Consorzio le più importanti associazioni di professioni del progetto: ADI Associazione per il Disegno Industriale, AIAP Associazione Italiana Design della Comunicazione Visiva, AIMAT Associazione Italiana d’Ingegneria dei Materiali, AIPI Associazione Italiana Progettisti d’Interni. POLI.design fa inoltre parte di BEDA, Bureau of European Design Associations.

 

 

HOSThinking

a design award

Concorso internazionale rivolto a designer e progettisti italiani e stranieri.

Promosso da Host – Fiera Milano e POLI.design, Consorzio del Politecnico di Milano, con il patrocinio di ADI, Associazione italiana per il Disegno Industriale.

Deadline application: 30 Marzo 2015

Deadline consegna progetti: 30 aprile 2015

Totale premi: 7.000 euro e una mostra all’interno di Host 2015

Bando e modalità di adesione su www.host.fieramilano.it/hosthinking e www.polidesign.net/hosthinking

Contacts: competitions@polidesign.net

 

Press Contacts:

Ufficio Stampa Fiera Milano

Simone Zavettieri

tel. 02 4997.7457 e-mail simone.zavettieri@fieramilano.it

 

Ufficio Comunicazione POLI.design: Valeria Valdonio

Mail: Comunicazione@POLIdesign.net,  T  +39 02 2399 7201

www.polidesign.net


Share

Il premio “Le grandi guiglie della grande Milano” ricevuto da Metroweb

L’eccellenza della società milanese Metroweb riconosciuta dal premio "Le grandi guiglie della grande Milano" promosso dal Centro Studi Grande Milano.

Centro Studi Grande Milano e Metroweb: il premio "Le grandi guiglie della grande Milano"

Il 6 Ottobre 2014 si è tenuto un convegno presso il Palazzo Affari ai Giureconsulti, all’interno della Sala Parlamentino dal titolo "Metroweb, la velocità che lascia il segno", in cui è stato assegnato lo storico premio conferito dal Centro Studi Grande Milano alle personalità che sono state in grado di distinguersi nei diversi settori di competenza per aver contribuito a rendere la città di Milano riconoscibile nel mondo come esempio da seguire ed ammirare. Il Centro Studi Grande Milano è un’associazione nata nel 1998 e composta da illustri personaggi provenienti dal mondo della cultura, della scienza, dell’economia e della solidarietà con lo scopo di diffondere i valori di una città che vuole diventare sempre più una metropoli moderna in grado di confrontarsi egregiamente con le diverse realtà europee ed internazionali. I premi sono il simbolo di "una società civile meritocratica che promuove il diritto alla stima, alla riconoscenza e alla ricompensa delle persone che sanno, con le loro virtù e le loro capacità, generare valore per sé e soprattutto per la collettività" come indicato nella Carta Valori dell’associazione.

La premiazione del Centro Studi Grande Milano conferita a Metroweb

Nel corso dell’evento Metroweb è stata insignita del premio "Le grandi guglie della grande Milano" dal Centro Studi Grande Milano nella persona di Alberto Trondoli, Amministratore Delegato della società. All’evento hanno partecipato il Presidente dell’associazione Daniela Mainini, il Presidente di CRESCI Salvatore Carrubba, il Direttore Scientifico del Centro Studi Anticontraffazioni e professore dell’università di Parma Cesare Galli e il Vicepresidente del Comitato Strategico dell’associazione Enrico Valdani. L’avvocato Mainini ha dichiarato che Metroweb rappresenta l’efficienza del sistema Milano che tutti dovrebbero conoscere e che dovrebbe essere presa come esempio da tutto il territorio nazionale, per consentire al paese di rimanere in linea con l’agenda digitale europea 2020. Anche il Presidente del Centro di Ricerca Economica per lo Sviluppo e la competitività delle Imprese ha commentato sostenendo che il caso Metroweb sia a tutti gli effetti rappresentativo non solo del successo di un’azienda ma di un sistema che ha preso vita nella città.

Per visualizzare il video della premiazione ricevuta da Metroweb visita il canale ufficiale del Centro Studi Grande Milano su Youtube.


Share

Il blog di Pasquale Borreggine: biografia e news relative al Sacro Militare Ordine Costantiniano di San Giorgio

Pasquale Borreggine è un affermato manager italiano che da anni è membro del Sacro Militare Ordine Costantiniano di San Giorgio.

Pasquale Borreggine foto

La biografia di Pasquale Borreggine

Dopo aver conseguito il diploma di maturità scientifica, Pasquale Borreggine prosegue la propria formazione frequentando il corso di laurea in Sociologia con specializzazione in "Sociologia delle relazioni internazionali" presso l’Università degli studi di Urbino; nello stesso istituto frequenta inoltre il corso di laurea magistrale in "Media, editoria e Giornalismo". Il percorso professionale di Pasquale Borreggine è segnato da importanti incarichi dirigenziali ricoperto all’interno di primarie società: dal 1983 al 2001 è Presidente e Dirigente di Tecnosic S.c.r.l., una società attiva nel settore delle costruzioni e delle manutenzioni industriali, dal 2001 al 2006 Presidente della società consortile "Gsi" di Roma, dal 2003 al 2006 Presidente della società consortile "Brindisi Polimeri". Attualmente ricopre il ruolo di General Manager di MCM S.p.a., una società operante nel settore dei servizi di manutenzione, montaggi industriali e costruzioni meccaniche per stabilimenti petrolchimici.

Pasquale Borreggine e l’Ordine Costantiniano

Da anni Pasquale Borreggine collabora con il Sacro Militare Ordine Costantiniano di San Giorgio, di cui riceve le nomine di Cavaliere di merito con placca nel 2012 e di Reggente di Parma nel 2013. L’ordine è impegnato nel fornire sostegno alle persone che vivono in condizioni disagiate, in ogni partedel mondo, promuovendo e organizzando attività umanitarie: grazie all’impegno conseguito, l’ordine è stato insignito dello status consultivo da parte del Consiglio Economico e Sociale delle Nazioni Unite, oltre ad aver ricevuto la concessione ad intrattenere rapporti direttamente con il Segretario Generale, con l’Assemblea Generale e con tutte le agenzie, le istituzioni e gli Stati Membri collegati.


Share