orologi firenze
Fra il 1872 e il 1892 la famosa casa di Parigi Cartier realizzò orologi destinati al polso, cercando di affinare sempre di più la tecnica della costruzione come fecero anche altre famose marche come la omega in Svizzera.Dal 1905 Bulgari iniziò a produrre l’orologio da polso destinato a lle donne che lo indossavano come un gioiello;mercato di grandi potenzialità dove si dette sempre più spazio al decoro e all’ornato della cassa con smalti, gemme ed altro.


Tutte le gran dame sfoggiavano il loro quadrante.Nel 1908 viene fondata a Ginevra la Rolex a cui seguì Jaeger-LeColtre.Un mercato in continua crescita con l’evoluzione dei gusti e la creatività della realizzazione.Probabilmente il primo orologio da polso per uomo fu nel 1904 per la casa di Cartier;il modello si chiamava “Santos” indossato appunto dal pilota brasiliano Alberto Santos.Un celebre modello ancora oggi molto imitato.Durante la Grande Guerra vennero realizzati modelli molto ambiti come il famoso “Tank”, prodotto da Cartier per le forze armate statunitensi.In quegli anni purtroppo tragici per la perdita di molti uomini, il fatturato degli orologi aumentava, conoscendo la sua stagione dell’oro.Alla fine del conflitto però e al ritorno alla vita borghese, la versione da polso venne quasi dimenticata.Quando esplode l’Art Deco, nel 1925 , è il trionfo dell’orologio-gioiello da indossare efar vedere, impreziosito da pietre preziose e ogni casa costruttrice cerca di essere la più originale.Nel 1926 comincia il mito del “Rolex Oyster” indossato dalla nuotatrice Mercedes Gleitze che lo indossa attraversando a tempi di record il canale della Manica:15 ore.Come vennero chiamati dal famoso scrittore Francis Scott Fitgerald, furono “Anni folli”a cui non mancarono certo dure polemiche.Ma nel 1929 col crack della Borsa di Wall Street , la crisi investì anche il campo dell’orologeria e le grandi marche ebbero una perdita del fatturato di circa un terzo.


Share