Come si prepara la tipica e folcloristica bomba calabrese, la salsa piccante a base di peperoncino che tutti i turisti cercano? Con quali altri ingredienti è realizzata? Come nasce la soppressata e come si prepara? Da dove viene la vera nduja e come si riconosce da quella non autentica? Per poter rispondere a tutte queste e altre domande di internauti, turisti, curiosi e gourmet della cucina tradizionale, è nato un portale dedicato proprio alle ricette di cucina regionale calabrese: si chiama Piatti tipici calabresi e sta ormai diventando un vero e proprio punto di riferimento per gli appassionati del settore food tradizionale.
Oltre alle ricette, caratterizzate da immagini, liste degli ingredienti, spiegazioni e note, nelle pagine del sito si trovano anche curiosità, aneddoti piccoli e brevi racconti che accompagnano il lettore in un vero e proprio viaggio alla scoperta della cultura e della gastronomia calabrese.
All’interno del sito, suddiviso naturalmente per tipologia di pietanza, è possibile consultare le ricette dei primi e dei secondi piatti, le preparazioni autentiche, originali e tradizionali per realizzare i salumi in casa, come il guanciale, le tipiche conserve, gli antipasti, le varie tipologie di pani, focacce e derivati – inclusi i celebri taralli calabresi utilizzati solitamente per accompagnare salumi, formaggi e verdure sott’olio o sotto aceto – ma anche i dolci, come la cuzzupa dolce – tipica preparazione tradizionale del periodo di pasqua, le nepitelle, le susumelle e la pignolata (ovvero la versione calabrese dei più noti struffoli napoletani).
Nel sito è possibile consultare anche articoli e approfondimenti sulla sardella, sulle proprietà della cipolla rossa di Tropea, che ormai vanta il marchio IGP, sul celebre caciocavallo silano DOP, sa anche sul famoso origano calabrese, che nasce e cresce così profumato solo in questa regione, senza dimenticare naturalmente la preparazione della mitica soppressata e le tantissime e i possibili usi possibili del peperoncino.


Share