Il Palazzo Doria D’Angri a Napoli, inserito tra le mete turistiche più apprezzate a livello nazionale e internazionale, è ricordato negli annali della storia d’Italia, poiché dal balcone centrale adiacente alla Sala degli Specchi, Giuseppe Garibaldi il 7 Settembre 1860 proclamò l’annessione del Regno Borbonico delle due Sicilie allo Stato Italiano appena costituito. Ad immortalare l’emblematica vicenda il celebre dipinto “Ingresso di Garibaldi a Napoli il 7 Settembre 1860” realizzato dall’artista svizzero Wenzel Franz e citato da Wikipedia come raffigurazione simbolica ufficiale dell’epoca, è conservato presso il Museo Cittadino di Castel Nuovo. Così come la Reggia di Caserta è stato progettato da personalità autorevoli e noti professionisti. Tra essi gli architetti Luigi e Carlo Vanvitelli, Fedele e Alessandro Fischetti e altri esponenti illustri del periodo.

Al suo interno sono mantenute con premurosa e accurata dovizia conservativa una serie di decorazioni e affreschi di elegante e pregevole composizione, come “L’allegoria con Mercurio, la Sapienza e la Poesia” collocata al primo Piano Nobile, le preziose cariatidi di stucco di Angelo Viva e “L’allegoria dell’aurora” con la sua ammaliante lucentezza ad opera di Fischetti e Costantino Desiderio, posta sulla volta del boudoir in ornati di stucco d’oro zecchino di Gennaro Fiore. Il Palazzo, di ben 1100mq, è dotato di 9 stanze dal raffinato e lussuoso arredo, con 9 bagni attigui, da poter essere utilizzate come alloggio ben funzionale. L’edificio risulta congeniale per una versatile fruibilità, in quanto può accogliere svariate iniziative e situazioni, tra cui riunioni, congressi, conferenze, convention, meeting, esposizioni artistiche e culturali, allestimenti museali, caffè letterario con biblioteca, cerimonie ed eventi pubblici e privati, filiali di scuole, accademie, università, garantendo una gestione ottimale degli spazi disponibili.

Si trova ubicato in posizione strategica di nevralgica centralità, precisamente in Piazza Sette Settembre, adiacente a riferimenti urbani di prestigio, quali la Piazza del Gesù, la Chiesa di Santa Chiara, il Palazzo Reale, il Bar Gambrinus, il Teatro San Carlo e rientra a buon diritto tra le destinazioni preferite da coloro, che assaporano l’inconfondibile atmosfera della meravigliosa città partenopea e si lasciano conquistare dai suoi inestimabili tesori d’arte e cultura tramandata nei secoli.

 


Share