Dymo: stampanti per etichette professionali.

La Dymo è sicuramente la casa produttrice di etichettatrici senza eguali sul mercato, in rapida espansione ha messo sul mercato prodotti sempre più efficienti e al passo con le esigenze di clienti sempre più bisognosi di prodotti affidabili e di risultati in tempi brevi.
La stampante Dymo e il conseguente accessorio, il nastro per Dymo, sono articoli con vasta gamma di scelta e andremo ad analizzare alcuni modelli di entrambi gli articoli per aiutare chi necessita di questi oggetti a fare una scelta consapevole.
Ogni variante infatti, presenta caratteristiche specifiche a seconda dell’utilizzo che se ne deve fare, vediamo come si differenziano i vari tipi di stampanti e nastri Dymo.

Per quanto riguarda la stampante Dymo esaminiamo 4 diverse tipologie di attività che tali prodotti possono svolgere:
-La stampa in batch: Per le aziende che necessitano di stampare grandissime quantità di etichette, i modelli che possiedono questa funzione e si collegano al computer, possono in poco tempo stampare molte unità di etichette.
-Codici a barre: esistono stampanti che hanno tale funzione in più, necessaria e utilissima per chi opera nel commercio e deve codificare quantità massicce di prodotti.
-Simboli e immagini: stampare loghi aziendali o simboli specifichi richiesti nella propria attività, come i simboli di certificazione, avvertenze, etc, non è mai stato così facile come con i nuovi modelli di stampanti Dymo.
– Righe e Front multipli: le stampanti Dymo di ultima generazione sono state progettate per avere la possibilità di inserire più di due sole righe all’interno dell’etichetta da stampare.
Importante novità è invece quella del front, che permette di avere non più la solita etichetta anonima, ma bensì una completamente personalizzata e con due possibilità di scelta: stampante base o compatibile con il desktop del computer per un lavoro ancora più altamente professionale. Ma quale nastro per Dymo scegliere e perchè?

Il nastro Dymo è progettato per essere compatibile con ogni tipo di stampante Dymo e ne presentiamo almeno 3 tipi:
-Il nastro standard D1: creato per le esigenze di ogni attività per un utilizzo semplice e di sufficiente durata nel tempo, è il modello base utilizzato dalle maggiori attività professionali.
-Il nastro nylon flessibile D1: destinato ad un utilizzo più specifico, come nel caso si debbano etichettare superfici curve e irregolari, o superfici che non sono lisce.
Utile anche nell’etichettare per esempio cavi elettrici.
-Nastro poliestere permanente D1: si tratta di una variante del nastro standard, ma presenta una più potente adesione e soprattutto garantisce una durata nel tempo che va ben oltre quella dei nastri standard D1.
Dunque la stampante Dymo e il nastro per Dymo si presentano perfettamente sul mercato per sopperire ai bisogni di svariate tipologie di attività, dai supermercati, agli uffici, alle industrie etc, con modelli specifici e sempre all’avanguardia.


Share