È stata inaugurata con grande affluenza di pubblico la mostra intitolata “Passioni”, in cui sono radunate opere della carismatica Amanda Lear e di altri artisti dell’arte contemporanea. L’apertura si è svolta sabato scorso, 13 giugno 2015, presso la “Milano Art Gallery” di Venezia, in Calle dei Cerchieri, 1270, zona Dorsoduro, con la partecipazione straordinaria, in qualità di ospite ed artista espositrice, di Amanda Lear, conosciuta in tutto il mondo per la sua carriera di cantautrice, attrice, pittrice e presentatrice televisiva, nonché musa ispiratrice del pittore surrealista Salvador Dalì, suo mentore d’arte. L’organizzazione è del manager Salvo Nugnes. Le opere saranno visitabili, con ingresso gratuito, fino al 14 luglio.

Nel selezionato parterre di artisti presenti con le loro opere all’esclusiva mostra Giuseppe Oliva.

La Dott.ssa Elena Gollini, curatrice di testi d’arte e giornalista, scrive di lui: «Entrare in un suo quadro è come rivivere il momento saliente e cruciale dell’atto creativo, nel suo assoluto coinvolgimento e trasporto emotivo ed emozionale. Le creazioni sono delle vere e proprie rappresentazioni del moto dell’anima, che lo guida nel realizzare le immagini trasfigurate, riferite a paradisi naturali, incantevoli e incontaminati, che affiorano sedimentati nella memoria del ricordo, del vissuto e del percorso esistenziale. Si tratta di immagini complesse, sfaccettate e cariche di significati e simbologie, che si intrecciano e si sovrappongono tra loro nell’elaborazione di una ricca trama compositiva, fitta e variegata, che svela la volontà di approfondire un linguaggio narrativo intriso di elementi e componenti da interpretare e recepire con acuta e spiccata intuizione. Nei quadri non bisogna cercare richiami dogmatici tradizionali, strutture accademiche predefinite e sistemi modulari convenzionali e consueti. Bisogna, altresì, immergersi con approccio penetrante e permeante nella sensibilità dell’artista, espressa da pennellate vigorose, spatolate robuste, cromatismo acceso e marcato per capire e sentire ciò che vuole trasmettere del suo modo di percepire la realtà e le sue astrazioni interiori, il modo circostante e il rapporto con la natura e l’adorato mare della sua Sicilia, che vive e nutre i ricordi del cuore».


Share