Si è svolto con successo il tradizionale appuntamento fieristico annuale di Arte Padova, che ha convogliato in esposizione artisti contemporanei di fama, tra cui lo scultore Franco Trevisan, che ha riscosso particolari commenti a favore. A giugno, Trevisan è stato inserito nel selezionato novero dei partecipanti alla grande mostra di “Spoleto Arte” curata dall’autorevole critico Vittorio Sgarbi.

Trevisan, che è anche un talentuoso pittore acquerellista, medaglista e incisore, vive e lavora in veneto, precisamente a montagnana. Inizia da giovanissimo a dipingere e frequenta l’istituto d’arte. Inoltre, partecipa a corsi d’incisione. La carriera scultorea si evolve a partire dagli anni ottanta, con l’incontro a Venezia del maestro boliviano Efrain Avila Encina. Da alcuni anni si dedica alla ceramica e al vetro fusione.

Lo stile espressivo di Trevisan. È caratterizzato da intensa eleganza plastica. Le radici di riferimento si ritrovano nel figurativo, risalente all’antica epoca classica. Si rende portavoce di un raffinato messaggio formale, alla ricerca di un ideale squisitamente estetico e del bello assoluto. Le opere possiedono una forza vitale e un’energia dinamica di movimento, che le rendono sinuose e fluttuanti e ne esaltano l’effetto di tridimensionalità e il valore di poetico lirismo. Garbo, ordine, compostezza ed essenzialità sono componenti primarie del suo fare arte.


Share