Venerdì 8 maggio è stata inaugurata con ottimi esiti nella città lagunare, in concomitanza con l’apertura della Biennale, la mostra “Pro Biennale”. L’evento è stato organizzato dal manager della cultura Salvo Nugnes, che ha predisposto la pregevole mostra presso la sede veneziana della “Milano Art Gallery”, in Calle dei Cerchieri 1270, zona Dorsoduro. Protagonista della serata l’illustre critico d’arte Vittorio Sgarbi che, proprio nella stessa data, festeggiava il suo compleanno. Una scelta molto studiata e precisa quella del Nugnes, che ha deciso di esporre una varietà di meravigliose opere appartenenti ai migliori artisti contemporanei. Una di questi è la pittrice svizzera Margaretha Gubernale.
Di lei scrive la Dott.ssa Elena Gollini, curatrice della mostra: «Quella di Margaretha Gubernale è una pittura scaturita da una consolidata esperienza e da una passione non imbrigliata da regole accademiche condizionanti, ma governata da un afflato intimo e da una continua sperimentazione sulle figure, sui soggetti e sui concetti protagonisti dei suoi sistemi narrativi, che racchiudono rievocazioni originali, di matrice fiabesca e fantastica. […] La Gubernale ci attira nel mondo suadente e intrigante della fantasia, fatto di sogni e di desideri, simbolicamente e metaforicamente rappresentati all’interno delle composizioni.[…]“L’arte rende tangibile la materia di cui sono fatti i sogni”. Lo spettatore, accogliendo questo assioma, davanti alle opere si sofferma a sognare, pensare, capire e al contempo riflette su profondi valori e su utopie esistenziali. È una pittura permeata da una cornice di ricercata espressività lirica, che mette in luce un mondo irreale, un mondo fiabesco e leggendario, concepito in una formulazione atipica tutta da scoprire e interpretare. L’autrice invita a entrare in questa atmosfera di evanescenza e trascendenza, ricca di suggestioni, per assaporare una fantasia, che richiama la realtà.»


Share