Nel corso della 10° Forum Risk management in sanità, la società guidata dal Presidente Mario Putin, Serenissima Ristorazione è stata invitata ad offrire un punto di vista in merito all’appropriatezza nutrizionale della ristorazione in ospedale.

Ristorazione ospedaliera, il punto di vista della società Serenissima Ristorazione e del presidente Mario Putin

Tenutasi presso Arezzo Fiere e Congressi, il 10° Forum Risk Management in Sanità si è incentrato sui temi dell’innovazione equa e sostenibile in ambito sanitario. Caratterizzato da un programma ricco di convegni e tavole rotonde dedicate ai diversi aspetti e ai diversi comparti della gestione sanitaria, il convegno ha anche approfondito il concetto in merito all’appropriatezza nutrizionale ospedaliera. Per l’occasione, oltre al ruolo di sponsor, la società guidata dal Presidente Mario Putin ha offerto un punto di vista di una realtà operativa nei servizi di ristorazione ospedalieri. Nel corso del dibattito, la Responsabile dell’Ufficio Qualità, Dott.ssa Lucia Cammisa è stata invitata ad esporre una relazione sugli aspetti legati alla ristorazione in questo ambito. Nell’ottica di un costante miglioramento per la salute e l’alimentazione in ambito sanitario, Serenissima Ristorazione offre un servizio attento alle diverse fasi di progettazione, pianificazione e verifica delle qualità dei pasti serviti, con l’obiettivo ultimo di soddisfare e garantire le esigenze alimentari e nutrizionali dell’utente finale.

Cook & Chill: la tecnica innovativa proposta da Mario Putin e Serenissima Ristorazione

Al fine di fornire ai clienti un servizio caratterizzato dai più alti standard igienico-sanitari e qualitativi per un’ampia offerta e differenziazione dei menu, l’imprenditore Mario Putin ha adottato per la società Serenissima Ristorazione l’innovativa tecnica chiamata “Cook and Chill”. Il vantaggio di questa tecnica d’avanguardia è rappresentata dalla minimizzazione del rischio microbiologico nelle diverse fasi di preparazione, conservazione e distribuzione del cibo, garantendo grazie all’abbattimento di temperatura un ampliamento delle proposte gastronomiche e una sensibile riduzione degli sprechi alimentari.


Share