Classificato come uno dei migliori ortaggi per le sue proprietà salutari, il pomodoro sembra essere il prodotto adatto alle esigenze del consumatore moderno.

Essendo l’ortaggio simbolo della stagione estiva, periodo fondamentale per la piena maturazione dello stesso, il pomodoro contiene numerosi elementi che lo contraddistinguono come un vero e proprio farmaco naturale per la prevenzione delle malattie, in particolare quelle legate al funzionamento del cuore.

Sono circa 4 mila le varietà di pomodoro esistenti che si differenziano in base alla destinazione d’uso. Il pomodoro si distingue in quattro grandi famiglie: da tavola; da pelati o per salse; da far seccare; da succo o da concentrato.

È possibile, in effetti, attribuire uno o più benefici ad ogni componente naturale del pomodoro:

– la Vitamina C contrasta l’invecchiamento e le malattie degenerative;

– il Beta-carotene e la luteina proteggono gli occhi e la capacità visiva;

– il Licopene, utile nel trattamento dell’ipertensione e nella prevenzione di ictus e infarti;

– le fibre vegetali presenti nella buccia favoriscono il buon funzionamento dell’intestino;

– l’elevato contenuto d’acqua stimola la diuresi;

– la presenza di sali minerali elimina il dolore provocato dai crampi e la stanchezza muscolare;

– basso contenuto di grasso.

Per quel che riguarda la consumazione del pomodoro, gli esperti attribuiscono molti benefici sia al pomodoro crudo che cotto. Il licopene contenuto nel pomodoro, essendo una sostanza antiossidante, si libera maggiormente se sottoposto a una leggera cottura, al contrario si preferisce il pomodoro crudo quando si vogliono mantenere tutte le vitamine presenti nell’ortaggio, che andrebbero,invece, perse se lo sottoponiamo a cottura.

In ogni caso, la dose preferibile per ottenere tutti i benefici appena elencati si aggira attorno ai 250 grammi di pomodori al giorno.


Share