Fondata da Hermann Loescher nel 1861, la storica casa editrice torinese ha saputo rinnovarsi a fianco della scuola e della ricerca, ponendosi sempre all’avanguardia nella progettazione di libri scientifici e scolastici.
Nel 2011 Loescher Editore festeggia i suoi primi 150 anni di attività e, cogliendo l’occasione della straordinaria concomitanza con il 150° anniversario dell’Unità d’Italia, organizza alcune iniziative che saranno parte integrante del calendario di Esperienza Italia, il programma di eventi previsti a Torino per il prossimo anno.


In particolare, sarà allestita una mostra fotografica testimoniante l’ultracentenaria attività della casa editrice e organizzato un laboratorio rivolto alle scuole dedicato alla progettazione del libro scolastico.
Un’occasione unica per le classi di sperimentare da vicino come si realizza un libro.

Per comunicare e rendere maggiormente visibili le attività in programma legate alla celebrazione del suo 150° compleanno, Loescher rinnova la sua collaborazione con mediaKi.it, che ha progettato e sviluppato il sito internet dedicato. L’agenzia torinese ha inoltre interamente curato il concept grafico delle pagine web, trovando una soluzione ottimale per la convivenza tra il caratteristico e storico marchio nero della casa editrice e il rosso accesso scelto per Esperienza Italia.

Accedendo alla pagina web, l’immagine di un libro aperto ci invita a sfogliare la storia di Loescher navigando tra i collegamenti che ripercorrono decenni di attività, contemporaneamente seguendo passo passo gli avvenimenti che hanno portato al consolidamento della struttura scolastica italiana.
Una vera e propria mini-cronologia per conoscere l’evoluzione di questa fondamentale istituzione e della casa editrice che ha contribuito a divulgare il sapere scientifico e letterario nel nostro paese e non solo.

Il sito internet rimanda anche alla pagina ufficiale di Esperienza Italia e di Loescher Editore e presenta la possibilità di seguire le celebrazioni e gli eventi organizzati da Loescher direttamente tramite i maggiori social networks: Twitter e Facebook.
Uno spazio creato ad hoc per un soggetto che meglio di nessun altro può narrare questi ultimi 150 anni.


Share