Hai un profilo Linkedin e non è efficace? Ti mostreremo alcuni semplici accorgimenti per migliorare la vostra visibilità nelle ricerche e renderlo più performante che mai.

– Scegli la foto con cura Una foto aggiunge vitalità e appeal al profilo. Massima attenzione allo sfondo che deve essere neutro e professionale. Il tuo profilo Linkedin è quello che ti rappresenta nel mondo del lavoro, in alcuni casi può essere considerato una sorta di “io professionale”. Pubblica una foto che rimandi un’immagine di te bella ma professionale.

– Ottimizza il titolo del profilo Il titolo del tuo profilo Linkedin, vale a dire le parole che seguono il nome e cognome, può essere al massimo di 100 parole. Non limitarti a dare una semplice descrizione della tua professione: ottimizza il titolo in modo da pubblicizzare al meglio il tuo “brand”. E soprattutto utilizza parole che possano essere facilmente “trovabili” sui motori di ricerca.

– Personalizza il riepilogo Piuttosto che scrivere solo un riassunto di ciò che fai, descrivi te stesso in qualità di professionista: sii propositivo, simpatico e non dimenticare un po’ di discreto humour. Descriviti in un paio di frasi semplici ma efficaci.

– Usa le parole-chiave giuste Sono quelle che ricorrono più di frequente nelle ricerche da parte delle aziende o dei clienti che cercano i tuoi servizi. Scegli quelle più inerenti alla tua professione e posizionale con cura sia nel riepilogo che nella descrizione delle tue competenze e qualifiche/studi professionali.

– Fai Networking! Riuscire ad ottimizzare il proprio profilo dal punto di vista tecnico è importante per migliorare la propria visibilità nelle ricerche, ma ricordati che Linkedin non è solo motore di ricerca! Quindi è arrivato il momento di pensare ad una strategia che non sia solo parole chiave e ottimizzazione dei contenuti.

Aggiungi anche contatti che non conosci Linkedin presenta collegamenti di tre diversi livelli, che vanno a creare una rete: accanto alle connessioni di primo grado, che corrispondono ai contatti diretti dell’utente, ne esistono altre due tipologie, rispettivamente di secondo e terzo grado. Le prime sono le connessioni dei contatti di primo livello, i collegamenti di terzo grado, invece, sono le connessioni delle connessioni di secondo grado. Per migliorare la nostra presenza sul social network, sarebbe preferibile aggiungere non solo persone che conosciamo direttamente ma anche collegamenti di secondo e terzo grado, che possono tornarci utili per diffondere il nostro nome e il nostro curriculum.

– Sii attivo! Pubblica notizie e aggiornamenti soprattutto se hai costruito una buona rete di contatti. Quando scrivi un aggiornamento di stato questo può generare dei “Consiglia” da parte di persone appartenenti alla tua rete di contatti. I “Consiglia” possono aggiungere al tuo status un certo incremento del numero di visualizzazioni di persone esterne alla tua rete e una o più di queste visualizzazioni potrebbe trovare interessante quello che hai scritto e visitare il tuo profilo e tu protesti invitarla fra i tuoi contatti e chissà magari ricevere un’offerta di lavoro.

 

Segui questi consigli e vedrai che il tuo profilo sarà capace di attrare i selezionatori, ad esempio un agenzia per il lavoro.

 


Share