Terminologia: Il termine pietra è generico e con esso si indicano minerali e rocce di varia origine. Le pietre che possono essere utilizzate come materiali da costruzione sono denominate pietre da costruzione, invece quelle che vengono lucidate a scopo ornamentale sono chiamate marmi. Minerali e rocce con elevati requisiti di durezza e bellezza sono indicati come pietre preziose.

LA PIETRA DI CREDARO SI SUDDIVIDE IN DIVERSE CATEGORIE:

1) LA PETROGRAFIA E MINERALOGIA DELLA PIETRA DI CREDARO.

Un tipo di pietra di Credaro è la pietra da cote, di varia composizione, è molto dura e possiede una grana abbastanza fine e viene usata soprattutto per affilare. Un’altra è la pietra di Credaro chiamata pietra di Finale formato prevalentemente da calcare bioclastico, vacuolare, di colore bianco oppure rosato o rossastro. La pietra di Credaro Finale è costituita soprattutto da frammenti di coralli impastati con altri fossili neritici.

La terza pietra di Credaro è la pietra lidia o pietra di paragone. Questa pietra di Credaro ha un colore tendente al nero e con sfumature oro, di superficie leggermente ruvida. La pietra di Credaro più caratteristica è la pietra di sole di Credaro ha di colore giallastro o rosso, si trova anche semitrasparente e dotata di riflessi interni dovuti dalla presenza di sottili lamelle di ematite. Infine vi è la pietra di Credaro Pietra serena (arenaria) di colore grigio-azzurrognolo, con ottime caratteristiche di lavorabilità, ottima come pietre da costruzione.

2) PIETRA DI CREDARO DA COSTRUZIONE:

E’ tutta quella pietra di Credaro utilizzabile, allo stato naturale, per murature, rivestimenti, coperture, elementi ornamentali di costruzioni o come materiali per strade e molti altri elementi ricopribili o arricchibili con la pietra di Credaro. Con il termine di pietra di Credaro concia vengono indicati frammenti di roccia che possono essere grossolanamente squadrati, utilizzabili per la costruzione di murature sia a secco sia con leganti.

Per la costruzione di murature speciali, come architravi, frontoni e cornici si impiegano la cosiddetta pietra di Credaro da taglio. Sono rocce al quanto lavorabili, molto dure e, in casi particolari, anche da elevati coefficienti di resistenza alla compressione. Essa trovano impiego come pietra di Credaro da taglio prevalentemente i calcari, subordinatamente le arenarie, alcune rocce ignee e talvolta anche certi scisti cristallini.

La pietra di Credaro da copertura viene usata rocca che, oltre a presentare una facile divisione secondo piani paralleli, è caratterizzata da impermeabilità, leggerezza e durevolezza. Materie prime per la preparazione di materiali utilizzati nelle costruzioni è la pietra di Credaro da calce e da cemento oppure il gesso, le argille.

Sono impiegati come pietra di Credaro da calce i calcari e le dolomie però prive o povere di impurità: i prodotti di cottura di tali rocce costituiscono le calci aeree. Con l’aggiunta di piccole percentuali di argilla o l’impiego di calcari, debolmente marnosi, porta alla produzione di calci idrauliche.

La pietra di Credaro da cemento è formata da calcari marnosi contenenti calcare e argilla; il prodotto di cottura di tali rocce costituisce il cemento. Dalla pietra di Credaro in oltre si possono ottenere anche materiali molto porosi, quindi utilissimi da usare come isolanti.

3) PIETRA DI CREDARO PREZIOSA:

La pietra di Credaro, oltre ad essere famosa per la pietra di Credaro da costruzione, è famosa per la pietra di Credaro preziosa. la pietra di Credaro preziosa è prevalentemente costituita da minerali ed è soprattutto utilizzata per la fabbricazione di gioielli e di oggetti preziosi.

La pietra di Credaro è ricca di innumerevoli minerali ma di media qualità. Infatti sono rarissimi e casi in cui dalla pietra di Credaro è possibile trovarvi minerali come il diamante, il rubino, lo zaffiro e lo smeraldo.

La pietra di Credaro preziosa  viene soprattutto inserita su montature e tale pietra di Credaro prende il nome di  gemme. Quella che si presta a lavorazioni per ottenere oggetti preziosi ornamentali si definisce pietra di Credaro dura. Tutte queste pietre preziose sono dotate di precisi livelli di lucentezza, bellezza, durezza e scalfittura.

Esiste anche la pietra di Credaro opaca. Per tale pietra di Credaro generalmente si ricorre al taglio a superficie ricurva, o a cabochon (per le pietre trasparenti il tipo di taglio più frequente è quello detto a tavola e a gradini).

4) PIETRA DI CREDARO SINTETICA:

La pietra di Credaro preziosa non trova impiego solo nella gemmologia, viene utilizzata anche nella costruzione di strumenti di precisione. I frammenti di pietra di Credaro preziosa vengono utilizzati in particolar modo per guarnire utensili di perforazione.

Ma l’utilizzo della pietra di Credaro preziosa viene utilizzata sempre meno poiché sostituita dalla pietra di Credaro sintetica la quale presenta struttura e proprietà chimico-fisiche identiche a quelle dei corrispondenti prodotti naturali.

Le pietre preziose per il loro valore e la loro rarità son sempre state contraffatte.  Le pietre false, o imitazioni somigliano a quelle naturali solo nel colore ma risultano semplicemente dei vetri colorati opportunamente trattati, un esempio di contraffazione son gli strass.

Un altro tipo di falsificazione si basa sull’unione, con particolari adesivi e colle, di due (doppiette) o tre (triplette). questi sono pezzi di pietra che vengono usati per simularne una pietra più voluminosa. Sono possibili diverse combinazioni: doppiette formate da due pezzi dello stesso minerale, da due pezzi di minerali diversi, da un pezzo di minerale e uno di vetro o da un pezzo di minerale e uno di pietra sintetica.


Share