Ormai Poste Italiane non è soltanto un marchio nel settore nella corrispondenza e nell’assicurazione, ma ha strumenti creditizi di tutto rispetto per certi versi forse più conveniente di altre forme che abbiamo potuto vedere. Il prestito personale di Poste Italiane ci permette di richiedere dai 1500 ai 30000 euro, pagabili a medio oppure a lungo termine con rate mensili a tasso fisso (quindi niente rate roventi).

Ad ulteriore garanzia per il cliente, Poste Italiane su richiesta propone una polizza assicurativa abbinata al prestito, che ci assicura contro eventuali rischi finanziari. Oltre a questo, è possibile estinguere anticipatamente il debito senza penali. Sono abbattute anche tutte le spese accessorie che vanno dall’istruttoria all’incasso rata, fino ad eventuali comunicazioni da parte di Poste. Il piano di ammortamento va dai 12 agli 84 mesi.

Come spiegato sul sito dedicato all’economia Soldielavoro, per accedere al prestito, è necessario accreditare il proprio stipendio sulla carta revolving di Poste. Il prestito verrà erogato al conto abbinato alla carta, dal quale, tramite rid, saranno prelevati gli importi dovuti a cadenza mensile. Naturalmente, la carta revolving BancoPosta è ormai accettata da molte catene di negozi e recentemente Poste ha dato ai suoi clienti un opuscolo con i relativi sconti per chi utilizza bancoPosta e Postepay.


Share