Il nucleo Alzheimer di Villaggio Amico sta dimostrando come la terapia medica tradizionale può essere affiancata da altri generi di attività psicopedagogiche e socio-sanitarie.
Il Villaggio della Memoria, infatti, ha attivato ormai da tempo un trattamento riabilitativo e terapeutico basato sulla musicoterapia.
Questa tecnica, riconosciuta e regolata dalla legge, rientra perfettamente nella Gentlecare di Moyra Jones, metodo non invasivo per la cura dell’Alzheimer.


La particolare terapia viene effettuata da profili specifici, specializzati nel settore assistenziale e nella comunicazione non verbale.
Di fronte al disagio, la musicoterapia riesce a sollecitare ricordi tramite un linguaggio sonoro ed espressivo.
Il musicoterapista riesce ad instaurare con il paziente un linguaggio non verbale ma emotivo tramite tecniche appropriate, finalizzate nel riportare alla mente i ricordi rimossi.
Nel centro Alzheimer di Villaggio Amico, si cerca di seguire metodi naturali meno invasivi possibile con l’obiettivo di stimolare il ricordo in maniera spontanea.
La musicoterapia è uno dei momenti più significativi per attuare questa filosofia medica, logicamente non eliminando le terapie mediche tradizionali ma integrandole.
Agli incontri possono prendere parte anche i familiari che così, possono rendersi conto di quanto possa essere utile la musicoterapia e quali effetti positivi possa avere sui propri cari.
Così, entrambi i metodi confluiscono nel nucleo Alzheimer di Gerenzano per restituire i ricordi a chi fatica a ritrovarli.


Share