Si è appena conclusa con ottimi riscontri di pubblico una delle mostre più rappresentative in omaggio al famoso maestro Giorgio De Chirico intitolata “Giorgio De Chirico e l’oggetto misterioso” allestita nel suggestivo contesto della Villa Reale di Monza. Durante una recente intervista è stato chiesto un commento sulla prestigiosa esposizione al manager produttore Salvo Nugnes, grande esperto e conoscitore d’arte, che l’ha visitata con forte interesse.

 

Nugnes ha spiegato “Questa mostra è riuscita ad esaltare e valorizzare al meglio il talento di De Chirico, considerato la figura artistica più importante e poliedrica del panorama italiano del Novecento. È stato perfettamente raggiunto l’obiettivo di illustrare il ruolo, che l’oggetto misterioso gioca nella produzione artistica del Maestro e si è incentrata soprattutto sull’ultimo periodo della sua pittura, caratterizzata da intensa e marcata colorazione e definita con il termine di neometafisica. In questo fase De Chirico riscopre una formidabile vena creativa, con la commistione di colori e sensazioni. L’esposizione si snoda attraverso un percorso iconografico, per meglio approfondire il rapporto del pittore con alcune tematiche particolari della sua ricerca, come la presenza ricorrente di alcuni oggetti. Ho trovato molto congeniale l’idea di accompagnare le opere a filmati video, racconti suggestivi e suoni per poter offrire allo spettatore una totale completa immersione nella vita e nell’opera di De Chirico”.


Share