L’importante mostra collettiva, dal nome “Impressioni d’artista” allestita tra le mura della galleria milanese “Milano Art Gallery” in via Alessi 11, aprirà i battenti dal 7 al 20 marzo 2015, con la direzione organizzativa del manager produttore Salvo Nugnes, presidente dell’associazione “Spoleto Arte”. La cerimonia d’apertura, prevista per Sabato 7 Marzo alle ore 18.00, farà da cornice artistica a un’interessante conferenza a tema su “Il dolore e la speranza” con protagonista l’attrice scrittrice Dalila Di Lazzaro. Tra i numerosi e talentuosi artisti partecipanti spicca il giovane Edoardo Congiunti.

Congiunti nasce a Foligno, in provincia di Perugia nel 1992. Si iscrive al Liceo Classico Frezzi, per poi trasferirsi al Liceo Scientifico G. Marconi dove incontra il professor Alberto D’Atanasio, che lo inizia allo studio della Storia dell’Arte. Comincia a dipingere nella metà del 2013 durante gli studi di legge alla facoltà di Giurisprudenza di Perugia. Nel 2015 espone per la prima volta al Museo Civico di Bevagna in occasione della mostra “In Chartis Mevaniae”, intitolata “Nutrire il Pianeta Energie per la Vita” a cura del Prof. D’Atanasio che di lui racconta: “Ciò che anima Edoardo Congiunti è il desiderio di unire Eros ed Anteros, amore creativo e amore corrisposto. Essenziale è osservare come lui armonizzi le forme che a tratti sono vere geometrie simboliche, come formidabile è anche lo studio cromatico, fortemente espressivo, che accende e rende dinamiche l’intreccio dei corpi, delle braccia delle gambe, quasi che la l’Eros altro non sia che il canto eterno che si distingue dalle tenebre di Thanatos vincendole. In ogni dipinto di Edoardo non c’è mai un partner che sovrasta l’altro, tutto è armonia pur nella lotta dolce e passionale di una coppia che, nell’evidenza, si lascia avvolgere, annodare, sciogliere e riavvolgere nel gioco di chi ha piacere d’essere amato amando”.


Share