Appartamenti Bergamo – Il comune di Bergamo mette in vendita 600 appartamenti a Bergamo per provare a rimettere in sesto il disastrato bilancio della città. Da queste dismissioni si vogliono ricavare circa 280 milioni di euro dalla vendita di appartamenti a Bergamo.

Il sindaco di Bergamo, ha già incontrato diverse tra le più importanti società immobiliari attive sul mercato per trattare la vendita degli appartamenti a Bergamo più interessanti. Tra questi l’ex sede della Atalanta: interi appartamenti a Bergamo nel cuore delle vie dello shopping capitolino, in via XX settembre.

Già occupati lo scorso ottobre dai movimenti per il diritto all’abitare, dalla vendita di questi stabili, fanno sapere fonti de L’Eco di Bergamo, il Comune si aspetta di ricavare, dalla vendita degli appartamenti in Bergamo, almeno 10 milioni di euro, “ma si punta ad ottenere di più. E’ una occasione da non lasciarsi sfuggire, siamo sicuri ci sarà la coda per acquistarlo”.

Trattandosi comunque di cubature importanti, i possibili acquirenti hanno un identikit ben preciso: imprenditori, privati che desiderano acquisire appartamenti in Bergamo, agenzie immobiliari che desiderano avere appartamenti in centro Bergamo da poter vendere o affittare così da avere innumerevoli profitti.

Ormai il Comune di Bergamo ha già censito circa l’80 per cento del patrimonio di appartamenti in Bergamo e questi 600 appartamenti di Bergamo sono tutti pronti per essere messi sul mercato. Di questi, circa la metà sarebbe ad uso residenziale di cui un terzo si trova in zone di pregio della città, in pieno centro storico.

Della vendita degli appartamenti in Bergamo se ne sta occupando una delibera che modifica la precedente deliberazione dell’Assemblea n.43 del 2012 che si proponeva di alienare una grande quantità di appartamenti di Bergamo, ma che non ha avuto alcun seguito non avendo prodotto la vendita neanche di una unità.

Dall’Assessorato al patrimonio del comune Bergamasco si prevede di chiudere tutta l’operazione di dismissione degli appartamenti in Bergamo entro la fine di aprile.


Share