Dopo Nile, Hamilton, McNiff e Maddock anche la cantautrice sbarca nella chiesa di campagna dove, nel cuore delle Langhe, la cantina-simbolo del Dolcetto organizza un minifestival nel nome della musica d’autore a sostegno di un vino d’autore: il Dogliani docg. L’ingresso? È (quasi) gratis!

Vino e rock and roll, ma stavolta fuori da ogni retorica.

Un po’ perché oggi Carolyne Mas, eroina di quella scena newyorkese a cavallo tra ’70 e ’80 che fu anche di Willie Nile, Steve Forbert e Southside Johnny, non è più una rocker vera e propria, ma piuttosto un’artista a 360° che spazia tra i generi (senza però dimenticare le “radici”: nel suo nuovissimo album, “Across the River”, canta appunto canzoni di Springsteen, Nile, Forbert e Drifters).

E soprattutto perché nemmeno il Dolcetto di Clavesana è una semplice uva, come il suo Dogliani docg non è un semplice vino rosso piemontese: sono invece anch’essi un’interpretazione della radici, del genius loci.

Ecco il motivo per il quale Carolyne Mas ha deciso di includere Rock and the Wine, l’iniziativa enomusicale che la cantina di Clavesana | www.inclavesana.it organizza nel proprio “pensatoio” alle Surie (CN), nel cartellone del suo imminente tour italiano per il lancio del nuovo cd.

Dopo Willie Nile, Dirk Hamilton, Jason McNiff e James Maddock, nella chiesetta di campagna di Sant’Anna affacciata sul Monviso domenica 12 gennaio alle 18.30 sarà il turno dell’ex “Springsteen in gonnella” a esibirsi con la sua band. E, dopo, musicisti e spettatori andranno tutti insieme nelle adiacenti ex Scuole elementari, per una cena di “socializzazione” a base di Clavesana Dogliani docg e prodotti tipici delle Langhe.

Con una formula originalissima e particolare, però: una parte del pubblico sarà costituita dagli ospiti di Clavesana e l’altra metà dai 100 che si prenoteranno direttamente in Cantina inviando un’email a siamodolcetto@inclavesana.it o telefonando allo 0173 790451. Di questi, i primi 30 avranno accesso gratuito sia al concerto che alla successiva cena, mentre gli altri pagheranno un unico, simbolico biglietto di 30 euro.

Rock & the Wine è l’appendice langarola del Crete Senesi Random Rock Festival | www.cretesenesirockfestival.it, l’iniziativa no-profit ideata per avvicinare il pubblico, attraverso la musica d’autore, ai territori rurali e alle loro tradizioni. “Roots”, insomma. E in questo caso nulla è meglio del Dogliani docg prodotto da Clavesana.

Giunto al suo sesto show nell’arco di soli 12 mesi, il Rock & the Wine è in breve diventato un appuntamento fisso che non solo gli appassionati, ma tutta le gente del posto attende con impazienza. L’atmosfera inusuale e un po’ magica fa il resto.


Share