Sono centinaia i buoni sapori che sa esprimere la cucina italiana. Molti di essi li sperimentiamo quotidianamente, diversissimi fra loro e difficilmente classificabili.

Ma quali sapori della propria terra, della propria Regione, gli italiani segnalano effettivamente quando sono invitati a farlo?

Sulla base di questa domanda è nato il progetto “I buoni sapori d’Italia” del Gruppo Ferrarini, che ha coinvolto la sua community online offrendo uno spazio dove segnalare liberamente quelli che ognuno considerava i prodotti alimentari più tipici e degni di menzione del suo territorio.

Sono state così raccolte le “carte d’identità” di oltre quattrocentocinquanta prodotti tipici del nostro Paese, 120 dei quali sono ora raggruppati nel libro “I buoni sapori d’Italia”, in vendita dal 9 Maggio non solo nelle librerie ma anche in alcune salumerie e gastronomie, clienti della Ferrarini che hanno aderito a questo progetto editoriale.

A 60 prodotti sono abbinate altrettante ricette specifiche, ideate appositamente da Food Blogger che operano nello stesso territorio di provenienza dei prodotti stessi e che si sono rese interpreti dei sapori della propria terra. Nel libro quindi si trovano non solo alcuni dei più significativi prodotti delle Regioni d’Italia, ma anche ricette più o meno semplici, da realizzare ogni giorno.

Le food blogger che hanno partecipato al progetto sono: Alessandra Asnaghi, Agostina Battaglia, Giada Bellegotti, Gaia Borroni, Elena Chesta, Silvia Crucitti, Roberta Deiana, Immacolata di Domenico, Anna Gentile, Francesca Gonzales, Sabrina Lorenzi, Claudia Magistro, Adelaide Melles, Ambra Orazi, Sara Querzola, Ramona Pizzano, Elena Policella, Barbara Sgarzi, Paola Sucato, Claudia Tiberti, Marta Tovaglieri, Irene Vella.

“I buoni sapori d’Italia” rappresenta un modo per conseguire un obiettivo importante: conoscere e valorizzare sempre più la storia e la cultura gastronomica del territorio, per godere della sua ricchezza e non sprecarla, per una cucina attenta alla stagionalità e alla tradizione.

Anche questo fa parte della filosofia del Gruppo Ferrarini, che partendo nel 1956 dal legame con il suo territorio emiliano ha saputo crescere fino a diventare una importante  realtà  agroalimentare a livello internazionale. Con il progetto “I buoni sapori d’Italia” dimostra una volta di più la propria passione per la genuinità, le cose vere, per uno stile di vita sano e rispettoso.

E’ possibile trovare il libro in tutte le librerie d’Italia e nei punti vendita selezionati Accademia Ferrarini che hanno creduto in questo progetto e che da sempre offrono ai loro clienti le migliori specialità del territorio con la professionalità che li distingue.

 

Titolo: I Buoni Sapori d’Italia

Anno di pubblicazione: 2012

Editore: Trenta Editore

Pagine: 192 a colori

Testo: in lingua italiana

Prezzo: 15,00 euro 

Profilo azienda

Il  Gruppo Agroindustriale Ferrarini é tra le più importanti imprese europee operanti nel comparto alimentare. Nato a Reggio Emilia come specialista nella produzione del prosciutto cotto e del prosciutto stagionato, è attualmente leader in questo segmento di mercato. Dal 2000, con l’acquisizione di Vismara, ha allargato la presenza all’intero comparto della salumeria tradizionale italiana, con importanti quote di mercato. Per maggiori info: http://www.ferrarini.it

Profilo editore

Trenta Editore nasce nel 2004 in occasione della pubblicazione de Gli Chef del Vino, il primo libro dedicato alla ristorazione di qualità della grandi aziende vinicole italiane; ma l’intento è, fin da subito, quello di diventare una presenza importante nel settore editoriale dell’enogastronomia italiana. Amministratore delegato di Trenta Editore è Barbara Carbone, giornalista professionista (tessera n° 057902) e autrice, prima ancora di questa esperienza diretta nel campo editoriale, di molti libri di cucina.

Da Gli Chef del Vino, ripreso da tutte le maggiori testate di settore e dai principali quotidiani, in pochi anni, Trenta Editore ha pubblicato oltre 50 titoli: il catalogo è online sul sito http://www.trentaeditore.it


Share