Ammesso al programma “Elite” di Borsa Italiana, QUI! Group ora punta all’estero: il Presidente e fondatore Gregorio Fogliani commenta il traguardo raggiunto dalla società.

Gregorio Fogliani: la spinta all’internazionalizzazione di QUI! Group

Da Genova, dove è nata nel 1989 grazie all’intuito imprenditoriale di Gregorio Fogliani, QUI! Group si prepara a sbarcare nei mercati esteri. La società, la prima a capitale totalmente italiano ad essersi specializzata nell’offerta di servizi nell’ambito del welfare aziendale e sociale, dei sistemi di pagamento e dei programmi di fidelizzazione per aziende e dipendenti, ha già inaugurato lo scorso anno una filiale in Brasile. I risultati conseguiti nel 2015, 650 milioni di fatturato e raddoppio dell’Ebitda, la porta ora a puntare in alto. E di recente le è arrivata un’altra importante conferma: l’ammissione nel progetto “Elite” che Borsa Italiana ha creato nel 2012 per sostenere la crescita delle aziende italiane e straniere più meritevoli attraverso un’apposita piattaforma di servizi integrati da fornire a loro. Un sostegno fondamentale per QUI! Group, chiamata ad affrontare sfide sempre più impegnative in Italia e all’estero, come ha ricordato il Presidente Gregorio Fogliani nel commentare l’importante risultato raggiunto.

La crescita imprenditoriale di Gregorio Fogliani, Presidente di QUI! Group

“Imprenditore illuminato”: con questa definizione nel 2016 Capital ha inserito Gregorio Fogliani nello Speciale Numeri 1 d’Italia, riconoscendo le doti che il manager ha dimostrato di possedere fin da giovanissimo, quando a 23 anni ha cominciato a gestire il Moody, uno dei locali più rinomati di Genova. Nel 1989 comincia l’avventura di QUI! Group, inizialmente QUI! Ticket Services, società attiva nel settore delle mense. Puntando su innovazione tecnologica e intuizioni vincenti, Gregorio Fogliani riesce negli anni Novanta ad ampliare il gruppo creando realtà specializzate in altri ambiti quali welfare aziendale e sociale, sistemi elettronici di pagamento e programmi di fidelizzazione. Sono oltre mille le persone che oggi lavorano per il gruppo che annovera 7 milioni di aziende clienti e 150 mila esercizi commerciali convenzionati. L’imprenditore, insignito anche del prestigioso premio Guido Carli, scrive anche per “Formiche.net”, dove si occupa di tematiche quali welfare, politiche sul lavoro e innovazione.


Share