Francesco da un mese ha smesso di essere Francesco, ora è Stefano.

Si apre così un capitolo di una nuova esperienza e di una nuova vita perché continuare a vivere per far vivere qualcuno non è solo un atto d’amore ma  di coraggio.

Come mai questa scelta di cambiare nome?

“Quando ho deciso di lanciare il primo inedito, cercavo qualcosa di originale che mi caratterizzasse, qualcosa di innovativo e non banale ma nonostante i miei tentativi di identificarmi con un nome ben preciso non ho mai trovato quello giusto, che mi calzasse a pennello e mi facesse dire << questo sono io >>. Per cui il primo inedito è uscito con il mio nome – semplicemente Francesco. Di questa cosa mio fratello era davvero felice ed orgoglioso, era quella giusta semplicità che alla fine paga sempre. Scherzando mi diceva che se fossi diventato famoso mi avrebbe fatto da bodyguard”.

Poi però tutto è cambiato e la musica è diventata il collante tra ciò che non è più e ciò che sarà, al di là dei limiti umani. E Francesco i propri limiti li affronta: sognatore per vocazione, cantante per passione, che vive ancora più intensamente da quando il mese scorso ha perso il fratello maggiore, suo punto di riferimento, in un incidente stradale.

“Dopo la perdita di mio fratello”, continua, “ho sentito la necessità di fare qualcosa di incisivo per mantenere il contatto con lui. Portare il suo nome è un modo per sentire la sua vicinanza.”

Cosa porterai di Stefano in te?

“Di mio fratello con me porterò tutto. Quando mi sono avvicinato al mondo della musica, una delle prime critiche che mi facevano era che facevo fatica ad esternare i miei sentimenti. Adesso, con tutto ciò che è successo, ogni pezzo che canto lo vivo nel profondo, mi porta a sentire una sensazione di tremore interno.”

Classe 1996, un singolo già uscito “In my soul”, prodotto da AM-Lab, disponibile in formato digitale su iTunes e Amazon, e la voglia di continuare a cantare per se stesso ma soprattutto per seguire il sogno del fratello. Ha già due brani in cantiere per il futuro, tra cui uno che lo lega particolarmente a Stefano.

Cosa ti aspetti dal futuro e da questa esperienza?

“Dal futuro non so che aspettarmi, forse non mi aspetto nulla perché la vita è così inaspettata e da un momento all’altro tutto cambia. Ho però delle speranze, quello che vada tutto al meglio, che i miei sogni si avverino e con costanza e determinazione riesca a raggiungere tutti i miei obiettivi.”


Share