L’ Assobiomedica ha richiesto il parere del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, tramite una istanza di interpello, in merito alla formazione specifica dei lavoratori.

La richiesta di precisazioni, nello specifico, riguarda la possibilità per le aziende di “erogare ai lavoratori la formazione specifica in modalità e-learning o comunque tramite strumenti tecnologici che consentano l’interazione – seppure a distanza – tra docenti e discenti.”

L’ Accordo Stato Regioni del 21 dicembre 2011 è la normativa di riferimento presa in considerazione dal Ministero poiché, secondo l’art. 37 del D.Lgs 81/08, regolamenta  i contenuti minimi, la durata e le modalità di formazione dei Lavoratori.

In particolare il testo di legge, afferma che il Datore di Lavoro deve assicurarsi che ogni lavoratore riceva una adeguata e sufficiente formazione nell’ambito della salute e della sicurezza sul lavoro con particolare riguardo ai rischi derivanti dalle mansioni e alle conseguenti misure e procedure di prevenzione e protezione.

Il Ministero quindi, date queste premesse, per rispondere all’interpello n° 4/2016 cita il terzo punto dell’Accordo Stato Regioni del 21 dicembre 2011 il quale decreta che “sulla base dei criteri e delle condizioni di cui all’Allegato I, l’utilizzo della modalità di apprendimento e-learning è consentito solo per la formazione generale dei lavoratori”. Se ne deduce quindi che, la formazione specifica dei lavoratori, deve essere erogata obbligatoriamente in presenza di un formatore qualificato.
Corsi sicurezza online su Impresa8108


Share