Lunedì 6 febbraio, situazione alle ore ore 12.00 – Scende a 41.960 (erano 59.000 alle 19.00 di ieri), il dato delle forniture senza elettricità nel Centro Sud Italia. 38.000 (erano 51.000 alle 19.00 di ieri), le forniture disalimentate nel Lazio, in particolare 15.000 in Provincia di Roma e 23.000 nel Frusinate, in Comuni ancora isolati o nei quali non si è riusciti ad accedere agli impianti e alle linee neanche con i mezzi speciali e dove stanno convergendo uomini e mezzi dalle altre Regioni, che, con l’ausilio di 100 gruppi elettrogeni contribuiranno a ridurre i disservizi nelle prossime ore.
Si va verso la normalità in Molise dove i tecnici Enel hanno ripristinato le linee elettriche e restano disalimentate 150 utenze nella Provincia di Isernia.
In Campania, sulle reti elettriche Enel che alimentano 2,8 milioni di forniture, sono invece 910 le utenze prive di elettricità, in particolare: 680 in Provincia di Benevento, 160 in Provincia di Caserta e 70 in provincia di Avellino.
In Abruzzo sono 1.900, in particolare nei Comuni di Balsorano (1.000) e San Vincenzo Valle Roveto (900) ,a causa dell’interruzione di oltre 20 chilometri di linee elettriche abbattute da frane e alberi. L’intervento è reso particolarmente complesso da problemi di viabilità secondaria che ostacola anche il trasporto dei gruppi elettrogeni.
E’ composta di 1.200 tra tecnici e operai, la task force Enel che in coordinamento con le Prefetture, la Protezione Civile, e le istituzioni locali, grazie anche al prezioso apporto del Corpo Forestale dello Stato e dei Vigili del Fuoco sta lavorando incessantemente da oltre 3 giorni per far fronte all’emergenza.


Share