Prosegue la costante crescita a doppia cifra che caratterizza l’ecommerce in Italia a partire dal 2010: dopo aver ottenuto un incremento del 16% nel 2014, l’e-commerce registrerà per il 2015 un’ulteriore crescita del 15% che porterà il mercato a superare i 15 miliardi di €. Protagonista assoluto della crescita dell’ecommerce è il “mobile ecommerce”: un terzo delle transazioni concluse sui siti di ecommerce a livello globale avviene oggi tramite dispositivi mobili. Il che conferma il crescente utilizzo degli smartphone negli acquisti online da parte degli acquirenti di tutto il mondo. Si tratta senza dubbio di una tendenza di cui gli inserzionisti non possono non tener conto, mettendo in atto delle strategie di mobile marketing mirate a raggiungere gli utenti in qualsiasi momento e ovunque questi si trovino.

 

Il mobile ecommerce si conferma tra i principali fenomeni dell’ecommerce in Italia: gli acquisti tramite smartphone crescono del 78% nel 2014 e stanno registrando un’ulteriore crescita del 68% nel 2015, con un valore triplicato in due anni, da un totale di 610 milioni nel 2013 a 1,8 miliardi di € nel 2015. Secondo il rapporto, nel primo trimestre del 2015 il 26% delle transazioni eseguite in Italia sui siti di shopping online è avvenuto da smartphone (contro il 24% dell’ultimo trimestre 2014), una percentuale che entro la fine dell’anno potrebbe sfiorare quota 30%.

 

Da sottolineare, continuando a parlare di comportamenti d’acquisto, che i consumatori oggi vedono la stessa quantità di prodotti su desktop e smartphone, ma dimostrano una minore propensione all’add-to-basket e all’acquisto su smartphone. In Italia il tasso di conversione del mobile si attesta su una media dell’1.6%. La maggioranza delle transazioni in mobilità avviene oggi tramite smartphone e l’aumento delle dimensioni dello schermo, così come la presenza di siti mobile ottimizzati, non possono che accelerare questa tendenza.

 

Tra iOs e Android, è il primo a realizzare il maggior numero di conversioni da smartphone: il 9,5% degli acquisti di beni di largo consumo e il 9,2% di quelli di viaggi viene effettuato tramite iPhone, contro rispettivamente il 6% e l’8,2% realizzati tramite dispositivi Android. Nonostante le buone performance dell’ecommerce su smartphone, i tassi di conversione più alti spettano ancora al desktop, probabilmente perché gli step per finalizzare un acquisto non sono ancora così semplici e intuitivi. In generale, il tasso di conversione del mobile si attesta al 2,7% (1,6% in Italia) contro il 4,4% del desktop, sebbene la quantità di prodotti visitati da entrambi i dispositivi sia la stessa. Forse uno dei motivi potrebbe essere che il sito ecommerce non sia ottimizzato per i disposivi mobili e questo, dato i numeri che abbiamo appena visto insieme, potrebbe comportare delle perdite di opportunità grandissime.

 

Per ulteriori informazioni, rivolgetevi a degli esperti di ecommerce.


Share