Per sostenere un’associazione no profit nei suoi progetti di solidarietà è possibile donare con i lasciti testamentari. Una pratica concreta, che concilia la questione legale dell’eredità a quella più pratica e umanitaria del volontariato e della beneficenza.

Con i lasciti testamentari è infatti possibile destinare parte della propria eredità ad un’associazione onlus, il che si tradurrà in un contributo importante verso quelle organizzazione e quei progetti da sempre orientati verso il prossimo.

Fare testamento a beneficio di una onlus non vuol dire precludere familiari ed eredi legittimi del lascito, vuol dire semplicemente aprire il cuore e dedicare una piccola parte del proprio patrimonio a chi realmente ne ha bisogno. Donando attraverso i lasciti testamentari si può fare tantissimo e aiutare bisognosi, emarginati, orfani, disabili e tantissimi altri soggetti che hanno il diritto di una pari dignità.

È poi molto semplice effettuare questi lasciti. Si può precedere per via pubblica, tramite consulenza del notaio e presenza di due testimoni, o per forma olografa, redigendo cioè il testamento di proprio pugno, indicando la data e apponendo la propria firma. Basterà quindi indicare le diverse somme destinate ai vari eredi, ricordandosi di inserire tra questi l’ente che si vuole sostenere.

Le donazioni possono essere fatte sotto forma di denaro, ma anche beni mobili e immobili. Un lascito testamentario non ha quindi soltanto un significato prettamente legale, ma anche umano e solidale. Vediamo perché.

Cosa vuol dire donare con i Lasciti Testamentari

Donare con i lasciti testamentari può voler dire molte cose. Una parte della propria eredità, anche la più piccola, può far la differenza e irradiare di gioia e di speranza gli angoli più remoti ed emarginati della terra, luoghi e contesti in cui benessere e felicità sono, purtroppo, poco più di un illusione.

Un lascito testamentario sarà destinato, per esempio, a sostenere i numerosi progetti perseguiti dalle onlus nei Paesi in via di sviluppo o del Terzo Mondo. Asili, scuole, strutture sanitarie, strade e infrastrutture rappresenteranno il ponte per combattere l’emarginazione sociale delle comunità più povere. Sarà quindi garantito un diritto all’istruzione, per aver accesso alla conoscenza che è ciò che realmente muove il mondo. Non mancheranno cure e vaccini contro la malaria il virus dell’HIV/AIDS, così come non mancheranno viveri, acqua potabile e pozzi artesiani per provvedere a un sostentamento migliore.

Donare con i lasciti testamentari vuol dire tutto ciò, ma anche di più. Si possono ad esempio sostenere progetti di tutela destinati a disabili o soggetti sordomuti e sordociechi, attraverso il finanziamento di appositi centri ricreativi e di riabilitazione. Si potrà offrire cura e sostegno psicologico agli orfani e tanto altro.

I lasciti testamentari hanno un significato concreto. Donare facendo testamento può migliorare il mondo e anche te stesso.


Share