Creo 1.0 è stato lanciato da PTC in Italia il 16 giugno, in occasione del PTC Technology Forum di Modena, evento seguito da centinaia di clienti, e da tantissime aziende alla ricerca di innovazione tecnologica e per questo curiose di conoscere da vicino il nuovo prodotto PTC.
Per sapere cosa sia CREO e cosa non sia CREO è possibile leggere tutte le informazioni precise pubblicate sul blog a lui dedicato da PTC
http://it.creo.ptc.com/.

Si tratta di un’autentica svolta nell’offerta di soluzioni CAD per la progettazione manifatturiera, da tanti punti di vista e per spiegare in modo completo, progressivo e interattivo le numerose novità messe a disposizione da CREO ai disegnatori, ai responsabili sviluppo prodotto e all’azienda manifatturiera nel suo complesso, PTC ha creato il blog dedicato.


I contenuti di http://it.creo.ptc.com/ sono:
• conoscere meglio il prodotto, tutte le sue applicazioni e gli aggiornamenti,
• condividere le esperienze fatte da utenti italiani o stranieri che già progettano con Creo,
• vedere o rivedere gli eventi di presentazione realizzati da PTC,
• scaricare e leggere ebook di approfondimento su Creo e i diversi settori della progettazione,
• lasciare il vostro commento o fare domande ai responsabili prevendita di PTC.

Creo rende liberi i progettisti di usare di volta in volta modellazione diretta o modellazione parametrica, funzionalità che “vivono” insieme nella stessa applicazione con la massima interoperabilità senza perdite di dati. Un unico prodotto arricchito da applicazioni che lavorano insieme, in grado di scambiarsi informazioni senza che l’utente debba passare da un ambiente ad un altro, aperto anche a soluzioni di terze parti.

Ecco perché al recente PTC Technology Forum in tanti, anche manager, hanno detto: “Creo fa tornare la voglia di progettare! Per la sua semplicità e versatilità sblocca davvero le possibilità di creare senza limiti tecnici”.

Per aggiornarsi e saperne di più è possibile visitare il Blog dedicato a Creo, e non solo, CREO infatti è anche su Facebook, Twitter e YouTube.


Share