In occasione dell’appuntamento con tutto il suo network, Var Group presenta un incremento del fatturato del 7% rispetto all’anno passato, servizi in crescita esponenziale, nuove strutture dedicate alla digital experience, un Hackathon pensato per gli wearable device e un’offerta integrata che prende spunto dalla rivoluzione digitale in atto nella vita quotidiana.

Cervia 14/15 maggio 2014. In occasione della Convention di Cervia, Var Group presenta l’evoluzione della propria offerta ai 650 componenti del network provenienti da tutta Italia. La ricca partecipazione è la testimonianza concreta di una realtà che è cresciuta per dimensioni, competenze e specializzazioni arrivando a coprire il territorio italiano in modo capillare, grazie alla presenza delle proprie agenzie e delle aziende con le quali ha stretto partnership di competenze.

 

La due giorni di Var Group è caratterizzata da un’agenda serratissima: 221 appuntamenti pianificati tramite la web app sviluppata per l’evento, 20 business case presentati in occasione delle sessioni di lavoro, un hackathon dedicato allo sviluppo di un’applicazione integrata agli smart glass Epson Moverio e 20 brand, sponsor dell’appuntamento. Contaminazioni tra ambienti apparentemente lontani che sono il segno di una volontà precisa: cogliere le opportunità che la rivoluzione digitale sta mettendo in atto sia nella vita delle singole persone sia nei diversi contesti di business.

L’offerta Var Group, presentata in occasione della Convention prende spunto da questa considerazione e trae la sua forza dall’integrazione di più componenti. Sono tutti elementi già presenti nel portfolio Var Group, se concepiti singolarmente, ma che oggi possono dirsi completamente integrate: l’approccio dell’offerta ERP e delle soluzioni per settori specifici è strettamente collegato all’offerta di Digital experience e a quella della Business Analytics, aprendo scenari nuovi nella gestione dei processi aziendali, abilitando la diffusione di nuovi marketplace, la mobility delle soluzioni e integrando l’internet of things  a contesti business, solo per fare alcuni esempi. In parallelo Var Group ha sviluppato forti competenze nell’ambito dei managed services e della security, competenze necessarie per completare i progetti di innovazione.

“La complessità delle tecnologie presenti sul mercato, delle soluzioni abilitanti ci ha imposto negli anni di fare investimenti in conoscenze e in ricerca per offrire soluzioni innovative e personalizzate in base alle esigenze, al settore e alla realtà imprenditoriale che di volta in volta abbiamo incontrato – afferma Giovanni Moriani presidente di Var Group – questa evoluzione fino ad ora ci ha premiato, facendoci crescere anche quest’anno di un +7% rispetto al 2014. Il nostro fatturato ha raggiunto i 190 milioni di € ma ciò che ci rende più orgogliosi è la creazione di nuove strutture a supporto della nostra offerta. Un esempio importante è quello di Var Digital, la nuova azienda che riunisce le competenze e i team di iMama,  AFbNet, CircleCap, Gruppo Zenit, Noilabs creando una proposition completa nell’area della digital experience. Altra newco è Var Yarix una struttura interamente dedicata all’offerta di security, grazie alle competenze congiunte con Yarix e al Security Operation Center permette di fornire soluzioni di sicurezza preventiva. Altra realtà importante e Smart Services, azienda dedicata ai managed services, area che nell’ultimo anno cresce ad una velocità doppia rispetto alle tecnologie”.

Numerose le testimonianze dei clienti che hanno rappresentato concretamente come l’offerta Var Group affianca le imprese nelle sfide quotidiane. Queste sono alcune di esse presentate in occasione della sessione plenaria della convention:

Barbara Tamburini, Head of Transactional products & Partnership di UniCredit ha raccontato come una banca coglie l’opportunità della digital transformation e la fa cogliere ai suoi clienti. Grazie alla collaborazione con Var Group, Unicredit offre la possibilità di cogliere le opportunità della Digital Technology con format di ecommerce pensati per settori di mercato specifici.  In questa proposta si uniscono le competenze e i servizi di consulenza finanziaria di Unicredit e la competenza Var Group sui temi dell’innovazione.

L’intervento di Mauro Bussoni, Segretario Generale Nazionale di Confesercenti ci ha dato la misura di come Confesercenti stia ripensando la propria presenza territoriale e i propri servizi grazie a dotservizi, lo sportello virtuale multiservizi una postazione non presidiata installabile presso location fisse o mobili, che tramite tecnologie innovative, permette l’erogazione di servizi da remoto, e come stia supportando i piccoli esercenti grazie a Confpos, che trasforma un semplice pos in uno strumento che permette di creare campagne di marketing e di avere informazioni sui clienti per realizzare promozioni, entrambi frutto della collaborazione con Var Group.

Massimiliano Valenti, Financial & Personnel Director de La Marzocco, ci ha raccontato come grazie alla partnership con Var Group, l’azienda fiorentina produttrice di macchine da caffè è risuscita a cogliere la sfida della globalizzazione esportando i suoi prodotti in tutto il mondo.

Franco Nanni e Mauro Longin, rispettivamente direttore Marketing e Responsabile IT di Askoll,
azienda produttrice di motorini elettrici, hanno testimoniato come la soluzione per la gestione dei punti vendita in cloud Var Group abbia supportato la loro strategia commerciale.

Renato De Faveri, Responsabile Sistemi Informativi, Latteria Montello Spa, forse più conosciuta per il suo prodotto lo “Stracchino del Nonno Nanni” ha spiegato in che modo monitora 24 ore al giorno le sue infrastrutture grazie ad un progetto di security in full outsourcing.

Alla fine della sessione plenaria è stato premiato il Gruppo vincitore dell’Ispiring innovation Hackathon, l’elemento di maggiore sperimentazione dell’appuntamento: si tratta degli Hostbuster che ha presentato una soluzione di indoor-tracking sviluppata sugli smart glass Epson Moverio, con notevoli benefici di applicazione nei settori retail, magazzino e gdo. I complimenti di Var Group vanno comunque a tutti gli gruppi Halloworld, Easeme, Unimore, che si sono prodigati in questa maratona di 36 ore di sviluppo.

Queste sono alcune delle testimonianze dell’appuntamento caratterizzato anche dalla presenza di altre aziende che hanno presentato, durante le sessioni del 14 maggio, il loro progetto realizzato in partnership con Var Group e con i più importanti brand del settore ICT come Targetti Group, Grandi Navi Veloci, MEF, Finder, Colt, Imi Remosa, Farnese Vini e Geal.


Share