Il rinomato Spazio Tadini a Milano, in via Niccolò Jommelli 24, ospita la presentazione del libro di Katia Ricciarelli, dal titolo “Da donna a donna” (Piemme incontri) prevista in data domenica 20 settembre 2015 alle ore 11.00. Ad affiancare la carismatica soprano nel ruolo di relatore, sarà il manager della cultura, nonché organizzatore dell’evento, Salvo Nugnes. La cornice simbolica di contorno è la grande mostra Biennale Milano, presentata da Vittorio Sgarbi, che rimane allestita fino all’1 ottobre 2015.

La Ricciarelli, grazie alla memoria, mette in luce le tappe fondamentali della sua vita, con le difficoltà, i sacrifici, gli studi, che le hanno permesso di affermarsi nel mondo e di ottenere l’obiettivo perseguito con caparbia e determinazione. Nel suo racconto autobiografico non dimentica nessuno, soprattutto chi le è stato vicino nel corso della vita e della carriera. Per questo, all’interno del libro vengono fatti riferimenti a personaggi famosi e non solo, come una sorta di simbolico ringraziamento da parte sua.

La Ricciarelli dice: “Sul palcoscenico, cosi come nella vita, ho pianto per un dolore, ho gioito per amore, cercando ogni istante di fare emergere la mia personalità, le mie vibrazioni, il mio carattere, senza tener conto di quel che gli altri potessero pensare”. Il libro diventa un viaggio virtuale, che parte dal ricordo di una famiglia poverissima, di un padre che l’ha abbandonata appena nata e di una madre a cui invece lei deve tutto. Il suo percorso attraversa i problemi dell’esordio, la passione per il canto e per quella lirica, che definisce “il demone, che l’ha condotta a calcare i palcoscenici di tutto il mondo”. Emerge poi la dimensione dei desideri semplici, di una donna normale, che oggi ha scelto di dedicarsi alla diffusione della cultura del bel canto tra le giovani generazioni, portando il suo esempio a modello e i suoi preziosi insegnamenti.


Share