Favorire la cultura portuale e lo sviluppo sostenibile delle città portuali italiane

 

È stato firmato a Genova un accordo di collaborazione permanente tra Assoporti, associazione dei porti italiani presieduta dal Presidente Pasqualino Monti, e Aivp, l’associazione che raggruppa i principali porti mondiali presieduta dal Presidente Jean Pierre Lecomte. Il Memorandum Of Understanding (Mou) firmato prevede il mutuo impegno di entrambe le organizzazioni a scambi di reciproche informazioni su ogni evento mondiale riguardante le diverse attività portuali, a una mutua assistenza in termini di comunicazione e soprattutto a sostenere “iniziative complementari e condivise volte a promuovere lo sviluppo sostenibile in particolare delle città portuali italiane”. Per raggiungere tale obiettivo risulta necessaria una diffusa e condivisa “cultura portuale”.

La “cultura portuale” è un fattore di crescita, tanto a livello locale quanto a livello globale ed è interesse dei singoli porti favorirla in quanto questi, sebbene tendono ad essere soggetti concorrenti, devono far fronte a problematiche comuni, prime fra tutte quelle di uno “sviluppo sostenibile”. Assoporti si impegna a sostenere, attraverso i porti italiani, la Mission Charter Of a Portcenter, la Carta di Aivp che promuove la cultura portuale nei suoi diversi aspetti. Per questo è necessario che tutti i porti si dotino di un Port Center, un centro capace di promuovere il dialogo tra “il porto” e “il cittadino”, coinvolgendo scuole, istituzioni e privati in attività di “edutaiment”.
A margine della Conferenza Aivp riunita ai Magazzini del Cotone del Porto Antico di Genova si è affrontato anche il tema della Costa Concordia, per il quale si è ribadita l’importanza di smaltimento in Italia, pena una sconfitta per l’intero sistema portuale italiano.

Fonte: Ansa


Share