Lo scorso 27 marzo AquaMedical ha organizzato una conferenza per far conoscere le proprietà curative dell’acqua salsobromoiodica della fonte Aquardens. Il Direttore Sanitario delle Terme di Verona, Dott. Gino Faggionato, ha intrattenuto i presenti illustrando i benefici della balneoterapia nell’acqua minerale naturale del parco.

Una serata che ha voluto sottolineare il valore termale di Aquardens che, con i suoi laghi e le vasche interamente riempiti di acqua salsobromoiodica, consente di effettuare cicli di balneoterapia nelle affezioni artroreumatiche, dermatologiche e vascolari.
Dopo l’esposizione del Direttore Sanitario di Aquardens, il pubblico, molto attento ed interessato, ha potuto interrogare il Dott. Faggionato su problematiche specifiche, casi particolari e su come sfruttare al meglio l’azione terapeutica della balneoterapia.
L’immersione in tali acque ricche di minerali consente, infatti, di ottenere benefici fisici accertati dal Ministero della Salute con decreto del 27 giugno 2005 e dal Comune di Pescantina (VR) che ha concesso l’autorizzazione all’esercizio di stabilimento termale e struttura sanitaria che eroga prestazioni di assistenza specialistica in regime ambulatoriale.
“Gli effetti positivi della balneoterapia che – spiega il Dott. Faggionato – derivano dalle caratteristiche fisico-chimiche correlate alla composizione dell’acqua e dalla temperatura della stessa”, consentono agli ospiti di Aquardens di associare il piacere della permanenza nel parco ai benefici della balneoterapia termale per ritrovare un piacere prima di tutto fisico in una struttura moderna, all’avanguardia e fortemente emozionale.
La grande attenzione ai clienti, alle loro specifiche esigenze e al loro benessere, porta Aquardens ad intraprendere un processo di miglioramento continuo. Ed è per questo che, in prospettiva futura, la direzione ha deciso di ampliare e “potenziare l’offerta terapeutica del centro termale – dichiara il Dott. Gino Faggionato – attivando l’iter amministrativo e sanitario per ottenere l’autorizzazione anche alla terapia inalatoria e idropinica con l’acqua salsobromoiodica di cui dispone”.
Le Terme di Verona potranno così diventare un punto di riferimento per i medici e i loro pazienti per interventi sanitari di tipo preventivo e curativo, sfruttando la preziosa risorsa di acqua pura, naturalmente calda, con composizione chimico-fisica idonea ad essere impiegata per terapie dolci e naturali.

*****

Aquardens, Le Terme di Verona, è il parco termale in provincia di Verona nato nel luglio del 2012 e costituito da 60mila metri quadri di parco comprendenti oltre 5.200 metri quadri di piscine e laghi termali, due grotte con terrazze, area wellness Sauna e Relax, AquaMedical. La struttura offre inoltre ben sette punti di ristorazione, tra cui Aquardens Restaurant, Self-Salus, Ripasso Bistrò, bar e chioschi esterni, per rendere completa l’esperienza di cui l’utente può fruire.
Aquardens è simbolo di sinergia tra l’incantevole territorio della Valpolicella e le proprietà terapeutiche dell’acqua termale salsobromoiodica che sgorga dalla roccia fessurata della fonte Aquardens a 47°C. Si tratta, quindi, di un anfiteatro progettato per ridurre al minimo l’impatto ambientale e inserito perfettamente nel contesto collinare circostante: l’acqua termale salso bromo iodica viene convogliata nelle pompe di calore, che ne estraggono il calore in eccesso per trasformarlo in energia utile al parco, consentendo un risparmio annuo di circa 1.500 tonnellate di petrolio, che significa non immettere nell’atmosfera CO2 equivalente a quanto assorbito da oltre 600 ettari di bosco.


Share