E’ stata inaugurata alla presenza del Prof. Vittorio Sgarbi, Sabato 17 Gennaio 2015, la mostra collettiva “Riflessioni Contemporanee” presso il Museo Gipsoteca Canova di Possagno e il Municipio di Asolo. Quest’ultima location ospiterà fino al 10 Febbraio, grazie all’organizzazione del manager Salvo Nugnes, le originali opere mistiche del pittore figurativo Alessio Serpetti.

 

Già dalla prima infanzia, l’artista manifesta la passione per il disegno e a soli 9 anni, quando inizia a studiare tecniche grafiche e pittoriche con il Maestro Carlo Marcantonio dapprima presso l’Accademia Prenestina del Cimento e poi alla Scuola d’Arte Casa Romana. Già l’anno successivo comincia ad esporre, elaborando nella prima metà degli anni Novanta una poetica figurativa del tutto personale, profondamente legata al vero, ma al tempo stesso carica di simbolismi, che conduce soprattutto sull’immagine femminile di cui riesce a rendere, attraverso una profonda capacità introspettiva, le varie espressioni emotive e gestuali proprie del nostro tempo.

 

Sulla sua arte è stato scritto: “La vena onirica che attraversa l’arte pittorica di Alessio Serpetti diventa accento di connotazione stilistica peculiare e distintiva, espressione di libertà poetica incondizionata derivante sia dal suo immaginario sia dalla memoria del vissuto esistenziale. Senza mai spingersi all’esasperazione dell’impatto visivo o all’esagerazione metaforica del surrealismo estremo, la pittura di Serpetti si palesa non come schermo per deformare e stravolgere la realtà circostante, ma bensì come prezioso ingrediente fondante e di arricchente plus valore per descriverne l’essenza sostanziale più intrinseca e recondita”.


Share