Sabato 22 e domenica 23 settembre 2012 torna per il quarto anno l’iniziativa della Comunità Papa Giovanni XXIII per gridare il proprio “NO” alla morte per fame

Per il quarto anno consecutivo, sabato 22 e domenica 23 settembre 2012 la Comunità Papa Giovanni XXIII, fondata da don Oreste Benzi, porta in piazza il suo impegno contro l’ingiustizia della morte per fame attraverso l’iniziativa di sensibilizzazione e raccolta fondi “Aggiungi un pasto a tavola”. 600 gazebo e banchetti invadono le città italiane dal Trentino alla Sicilia per rendere visibile l’impegno di tutti i volontari e missionari che in tutto il mondo vivono ogni giorno al fianco di chi soffre la fame. La malnutrizione nel mondo colpisce un miliardo di persone e la Comunità chiede l’aiuto di tutto per dare concretamente da mangiare a chi non ce l’ha. L’iniziativa, infatti, è volta a raccogliere fondi a sostegno dei bisogni alimentari delle oltre 41.000 persone che, in tutto il mondo, si rivolgono alla Comunità nei centri nutrizionali, mense per i poveri, strutture di pronta accoglienza, Capanne di Betlemme per i senzatetto, case famiglia all’estero, nei 32 paesi in cui la Comunità è presente. Ai gazebo sarà possibile lasciare la propria offerta e contribuire a garantire almeno un pasto al giorno ai bambini, anziani, alle persone che vivono in condizioni di estrema povertà in Africa, Asia, America Latina, nei paesi più poveri dell’Europa e anche in Italia e di cui ogni giorno la Comunità Papa Giovanni XXIII si prende cura.

I membri della Comunità, i missionari e i volontari, infatti, vivono giorno dopo giorno, 24 ore su 24, con i più poveri ed emarginati, li accolgono nelle loro case e nelle loro famiglie, siedono con loro a tavola e dividono con loro il pasto. Non si tratta di progetti di assistenza ma di “condivisione di vita”, secondo il modello voluto dal fondatore della Comunità, don Oreste Benzi. Avvicinarsi ai gazebo di “Aggiungi un pasto a tavola”, parlare con i membri e i volontari della Comunità che ogni giorno vivono la loro vita con i poveri, ascoltare le loro testimonianze di vita di condivisione con i più emarginati, aiuterà a convincersi che anche il più piccolo gesto è importante, se sommato a quello di tanti altri e che quella contro la fame nel mondo non è una sfida insormontabile, perché se è vero che ciascuno da solo può fare poco, è insieme che si riesce a cambiare la storia. In ricordo, si riceve una confezione “speciale” di pasta, fornita gratuitamente dal pastificio F. Divella SpA., per il quarto anno a fianco di questa iniziativa. La pasta rappresenta il simbolo di ciò che per noi è “ordinario” e quotidiano ma che per molti nel mondo è “straordinario”. Come ormai tradizione, poi, anche quest’anno la pasta che rimarrà al termine dell’evento di piazza sarà consegnata a mense per i poveri e centri di accoglienza, non solo gestiti dalla Comunità Papa Giovanni XXIII, per fare in modo che anche il simbolo scelto per l’iniziativa diventi immediatamente sostegno per chi ha bisogno. “Aggiungi un pasto a tavola” fa parte della campagna “Un pasto al giorno”.

Oltre all’evento di piazza, è possibile garantire il proprio sostegno all’iniziativa anche con una donazione tramite bollettino postale sul conto corrente n. 12148417, intestato a Associazione Comunità Papa Giovanni XXIII ONLUS e indicando in causale “Un Pasto al Giorno”, sul sito www.unpastoalgiorno.org o chiamando il numero verde gratuito 800.629.639 (in orari d’ufficio).

La Comunità Papa Giovanni XXIII, fondata da don Oreste Benzi nel 1968, è un’organizzazione senza scopo di lucro che opera a fianco delle persone che vivono in una condizione di disagio, povertà, abbandono o marginalità, siano essi bambini, giovani, adulti o anziani. I membri della Comunità, in base ad una precisa scelta di vita, aprono le porte delle loro case a coloro che si trovano in uno stato di grave crisi e bisogno, scegliendo di condividere la propria vita con i più poveri e gli emarginati, tentando di aiutarli a superare i problemi e lavorando per rimuovere le cause che hanno generato il loro stato di emarginazione.

Per maggiori informazioni visita il sito Un Pasto al Giorno (www.unpastoalgiorno.org/).


Share