Il problema dell’accesso all’energia nel continente africano esposto da Roberto Casula, Chief Development, Operations & Technology Officer di Eni S.p.A., durante il seminario WAME dedicato all’argomento.

Roberto Casula, Chief Development, Operations & Technology Officer di Eni S.p.A.

WAME: Roberto Casula interviene al seminario

In occasione del seminario “L’accesso all’energia in Africa”, il Chief Development, Operations & Technology Officer di Eni, Roberto Casula, ha rappresentato la posizione di Eni in merito alla tematica dell’incontro. Alla base di questo si trova l’associazione World Access to Modern Energy (WAME), tra i cui membri fondatori spicca proprio Eni, insieme a differenti realtà nazionali ed internazionali operanti nel settore energetico, come A2A, Edison, Enel, E.ON Italia, Gas Natural Italia, Gdf Suez, Energia Italia e Tenaris, oltre alla partecipazione di Expo 2015. Con l’obiettivo di mettere in luce il problema dell’accesso all’energia, riscontrato da una ancora grande parte della popolazione mondiale, il seminario WAME propone differenti opportunità di discussione, tra le quali il panel “Il contributo della cooperazione alla sfida dello sviluppo in Africa. La voce dei soggetti impegnati a diffondere l’accesso all’energia”, all’interno del quale Roberto Casula espone il suo intervento, che sottolinea il primato di Eni nell’impegno relativo alla produzione di energia elettrica nei territori africani, grazie alle collaborazioni stipulate con le comunità e con i Governi locali, con le Nazioni Unite e con importanti ONG, riuscendo in tal modo a ridurre drasticamente gli impatti nocivi per l’ambiente, ma anche a sollecitare la crescita economica. Le iniziative che Eni ha condotto nel continente africano si declinano in differenti modalità, che non riguardano solamente la migliorata distribuzione di gas e di energia, bensì allargano il proprio raggio d’azione alla fornitura del cibo, dell’acqua potabile, puntando ad un processo di miglioramento delle condizioni del comparto sanitario e dell’aspetto igienico, oltre che a una condizione generale di progresso.

Carriera e ruoli ricoperti da Roberto Casula

Roberto Casula nasce a Cagliari nel 1962, città dove sviluppa la propria formazione, conseguendo nel 1988, presso l’Università degli Studi, la Laurea in Ingegneria Mineraria. Abilitato alla professione di Ingegnere, fa il proprio ingresso in Agip S.p.A., dove in principio riceve l’incarico di Reservoir Engineer (Ingegnere di Giacimento), che prevede un’iniziale responsabilità sul controllo dei pozzi e della produzione, per poi essere successivamente incaricato a supervisionare la modellizzazione numerica del comportamento dinamico dei giacimenti di idrocarburi, svolgendo ovvero attività di reservoir modelling per conto della società con sede a Sophia Antipolis (Antibes, Francia) denominata Beicip – Franlab. Nel periodo 1992-1993 viene nominato Reservoir Engineer e Petroleum Engineer dalla consociata, con sede a Luanda, Agip Angola Ltd, la quale gli attribuisce nel 1994 il titolo di Chief Development Engineer. Nel 1997 fa ritorno in Italia, dove, presso la sede di San Donato Milanese, riceve da parte di Eni S.p.A. l’incarico di Development and Production Coordinator, il quale si riferisce ad attività di coordinamento delle operazioni e del business attivo nei Paesi dell’Africa Occidentale e dell’Asia Centrale. Nominato nel 2000 Department Manager for Technical Services coordina le attività in corso in Iran, per poi trasferirsi l’anno successivo a Tehran per ricoprire la carica di Project Director del progetto condotto in Iran e denominato giant South Pars Gas 4-5. Nominato nel 2004 Managing Director della consociata del Gruppo Eni situata a Gela, ovvero Eni Mediterranea Idrocarburi S.p.A., nel 2005 viene chiamato a ricoprire la medesima carica per la società con sede a Tripoli, Eni Nord Africa BV. Tornato ancora una volta in Italia, nel 2007 assume il ruolo di Senior Vice President della Regione Sub-Sahariana, per poi divenire, l’anno seguente, Presidente delle consociate di Eni collocate in Nigeria, ovvero N.A.O.C. Ltd, N.A.E. Ltd., A.E.N.R. Ltd. Nel 2011 Roberto Casula riceve la nomina ad Executive Vice President in relazione a Paesi delle aree di Africa e Medioriente, riuscendo a risolvere buone trattative in Angola, Algeria, Congo, Gabon, Egitto, Kenya, Libia, Mozambico e Sudafrica, gestendo relazioni con le autorità più alte di tali territori, oltre a interagire con le principali realtà del settore, sia europee che americane. A partire dal 2014 svolge l’incarico di Chief Development, Operations & Technology Officer di Eni S.p.A., il quale lo vede capeggiare la nuova Direzione Tecnica, oltre che supervisionare le attività tecnico-operative, di Ricerca e Sviluppo e di progetto.


Share