Il 28 e il 29 Novembre si è svolto a Roma il quarto appuntamento annuale di “Credito al Credito”. L’evento organizzato dall ’Associazione Bancaria Italiana (ABI) e l’Associazione del Credito al consumo e immobiliare (ASSOFIN) è l’occasione di incontro in cui banche, aziende e consumatori si riuniscono per confrontarsi sulle tematiche del Credito al Consumo. L’evento annuale dedicato al tema del credito ha visto la partecipazione delle principali Associazioni di Imprese e delle Associazioni dei Consumatori insieme a molti esponenti del settore.

La convention ha inaugurato un programma ricco di eventi. Ad aprire i lavori il Presidente dell’ABI Antonio Patuelli, insieme al Ministro per l’Integrazione e al Ministro dello Sviluppo Economico.  Il primo modulo si è focalizzato sul Credito alle Imprese. Qui sono state analizzate le opportunità derivanti dall’impiego dei fondi europei, valutando le iniziative del settore bancario a sostegno delle imprese e aprendo la strada a nuove prospettive di sviluppo. Inoltre è stato approfondito il tema della gestione dei crediti problematici, con un focus specifico dedicato alle strategie di recupero crediti nell’attuale congiuntura economica.

Il secondo modulo si è concentrato sul Credito alle Famiglie. In questa sessione stata posta l’attenzione sia sul tema della relazione con la clientela, sia sul mutamento delle strategie delle banche, nella distribuzione del credito dopo la riforma della disciplina di settore e nell’attuale contesto di mercato. Un’altra sessione è stata specificamente dedicata alle novità nel mercato della Cessione del quinto, dove sono stati analizzati il mercato e le caratteristiche della cessione del quinto dello stipendio o della pensione e fornite informazioni sull’esito dello studio condotto dall’ABI e dall’Assofin sulle proposte di ridefinizione della disciplina del prodotto.

L’evento ha visto Firmato il Protocollo d’intesa tra ABI, Assofin e le Associazioni dei Consumatori che intende promuove le buone pratiche nel settore, atte a fornire ai consumatori informazioni più chiare e dettagliate sulle polizze accessorie abbinate ai finanziamenti. Il protocollo si fonda su principi di maggiore trasparenza, libertà di scelta e consapevolezza del consumatore. Per monitorare il rispetto del Protocollo e valutarne l’efficacia raggiunta, verrà inoltre istituito un Osservatorio ad hoc che si occuperà di indagini su reclami o ricorsi e della promozione di iniziative per migliorare sempre di più l’informazione alla clientela e la trasparenza del mercato.

Negli anni passati, le polizze connesse ai finanziamenti,  a causa della mancanza di una regolamentazione specifica hanno rappresentato un vantaggioso business per alcuni istituti finanziari. Successivamente per opera del governo Monti si sono poi susseguiti una serie di provvedimenti legislativi al fine di regolamentare il settore. Oggi con il Protocollo d’intesa siglato si intende favorire ancora di più la buona pratica delle banche e delle società finanziarie nel rispetto dei diritti dei consumatori.

Tutte le banche e le società finanziarie che aderiranno al Protocollo dovranno tenere maggiore accortezza di alcuni principi fondamentali, ovvero fornire ai clienti prodotti che siano chiari e trasparenti,  gestire nel miglior modo possibile le esigenze dei consumatori per quel che riguarda i diritti e la qualità del servizio offerto.

Tra gli operatori del settore che hanno rivolto l’attenzione ai valori di chiarezza e correttezza nei confronti dei propri clienti che sottoscrivono un contratto di finanziamento, anche Mediocredito Europeo S.p.A risponde attivamente ai cambiamenti del mercato della Cessione del Quinto, adeguando costantemente la propria struttura operativa e commerciale per essere in linea con la normativa e per garantire affidabilità, trasparenza e qualità nei confronti del cliente.


Share