Nonostante l’entrata in vigore del D.P.R. 177/2011, purtroppo, non si ferma la catena degli incidenti correlati alle attività degli ambienti sospetti di inquinamento o confinati.

Pur non essendo molto frequenti, risultano essere quasi sempre letali a seguito di errori di valutazione o sottovalutazione dei pericoli presenti. Sebbene ormai in vigore da oltre due anni, il D.P.R. n. 177/2011 da subito ha mostrato grossi problemi di applicabilità e difficoltà interpretative che, a tutt’oggi, sono ben lontane dal trovare una soluzione. Infatti, se da una parte introduce specifici requisiti per le imprese ammesse ad operare all’interno di questi luoghi pericolosi, ai sensi degli artt. 66 e 121 e dell’allegato IV, punto 3, del D.Lgs. 81 del 2008, dall’altra pone molti problemi applicativi per la quotidianità del lavoro delle aziende.

Il corso, quindi, non si propone come momento di erogazione della formazione prevista dal D.P.R. 177/2011, bensì vuole contribuire a diffondere conoscenze utili a per poter applicare correttamente quanto previsto dal Decreto e rispondere, ovviamente per quanto possibile, ai diversi dubbi interpretativi ancora oggetto di dibattito. Questo considerato che, tra l’altro, tali attività con rilevanti componenti di rischio, oltre ad essere gestite in proprio dalle aziende, sono spesso gestite anche ricorrendo ad appalti e subappalti a soggetti terzi talvolta non adeguatamente attrezzati e/o competenti.

Destinatari:
Tutte le figure che devono gestire, organizzare e pianificare attività negli spazi confinati (che coinvolgono squadre di lavoratori dipendenti e/o autonomi) vale a dire HSE Manager, Responsabili e Addetti SPP, Coordinatori per la sicurezza nei cantieri (CSP e CSE), RLS, Datori di lavoro, Dirigenti e Preposti, Consulenti e Professionisti del settore che devono effettuare la valutazione dei rischi in ambienti sospetti di inquinamento o confinati.

Prerequisiti:
Conoscenza della normativa cogente in tema di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro e dei contenuti del D.P.R. 177/2011

 

Maggiori informazioni su www.spazioconfinato.it


Share